Utente 354XXX
Gentilissimi Dottori,

avrei un quesito, forse banale o stupido, da porvi.Scusate se sono un po' "lunga" ma vorrei togliermi questo dubbio.

A marzo 2005 effettuo degli esami del sangue di controllo e tutto è nella norma tranne i globuli rossi un po’ alti ed il colesterolo. Comunque nulla di che’ mi dice il medico. (nota dalla quale si capira’ poi la mia domanda : i miei linfociti percentuale erano in questi esami al 22.5 su un range di 19/48).

Aprile 2005 ripeto gli esami a causa di un mal di stomaco che non passava da una settimana e tutto ok a parte la bilirubina un po’ alta (qui i linfociti erano a 30%)

Aprile 2006 altro ciclo sempre a controllo e tutto ok tranne colesterolo alto e WBC lievemente bassi (linfociti a 40.1)

Maggio 2007 ciclo di esami a causa di un mal di gola recidivo di cui tutto ok tranne il solito colesterolo alto e globuli rossi lievemente alti.(linfociti a 30%)

Giugno 2007 ripeto esami per sospetto EBV e risulta che ho passato la mononucleosi (diverso tempo fa pero’, la dottoressa ipotizza almeno 3/4 anni fa) ed il resto tutto ok nemmeno un valore sballato (linfociti a 33%).

Siccome ho letto su internet che una delle cause del mal di gola poteva anche essere il virus hiv e preoccupatami, ho chiesto alla dottoressa se era il caso di fare il test e lei mi dice che i linfociti si sarebbero dovuti abbassare rispetto al 2005 e non alzare, dunque secondo lei a 3 anni da un possibile contagio, non occorre farlo.

E' vero cio' che dice?

GRAZIE DI CUORE PER LA INFORMAZIONE
CORDIALI SALUTI



[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Fluttuazioni dei linfociti nell'ambito riferito sono del tutto normali. Riguardo il contagio per un eventuale contatto a rischio, i linfociti sono del tutto inutili per valutarlo, poichè vi sono periodi di latenza del virus nei sieropositivi, anche di dieci anni, in assoluto benessere. Se ha dubbi, esegua il test.
Marcello Masala MD
Marcello Masala MD

[#2] dopo  
Prof. Matteo Bassetti

24% attività
0% attualità
8% socialità
UDINE (UD)
GENOVA (GE)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2001
Concordo con il collega, non serve a niente controllare la percentuale dei linfociti nel sospetto di una infezione da HIV.
Se ha anche solo un minimo dubbio si rechi in qualunque centro di malattie infettive e esegua un test HIV, che non ha bisogno di alcuna richiesta ed è assolutamente anonimo.
Saluti
Matteo Bassetti
Matteo Bassetti