Utente 220XXX
Salve è da mesi che non stavo molto bene con febbriciattola tutti i giorni,un picco alto dolori articolari stanchezza e malessere generale dopo vari dottori mi hanno mandato all ospedale amedeo di savoia a torino malattie infettive, pochi giorni fa ho ritirato le varie analisi che mi hanno fatto è risultato tutto a posto ma è uscita la rickettsia anche alta mi hanno detto 1 : 160 l infettologo mi ha prescritto la doxiciclina per 7 giorni e poi a fine mese di ripetere le analisi l ho iniziato l altro ieri e poi lo sospeso perche avevo dolori al petto ,oggi lo ricomincio , sono tornata dal mare dove mi sono riempita di pustole nel corpo che non mi sono ancora passata e sto male... non mi reggo piu in piedi se mi alzo dal letto svengo , ho tutti i giorno febbre 37 e mezzo, non ho piu fame strano perche io mangio propio tanto provo a mangiare ma se mi sforzo troppo rischi con il vomitare ho propio un malessere forte dentro...mi sento caldo dentro il respiro caldo e sforzato , un caldo dentro affanaso tipo quando si ha la febbre alta non so come spiegarlo...stamattina mia madra ha chiamato l infettologo dove gli ha detto di continuare a prendere l antibiotico e che questi sintomi sicuramente sono della malattia...non so a chi rivolgermi perche sto male veramente volevo solo sapere se questi sintomi possono essere veramente della malattia o posso avere preso qualcos altro , mi sembra strano che la malattia dia sintomi cosi dopo mesi , lui mi ha spiegato che questa è la coda della malttia .. e possibile che mi abbia portato ormai al limite dopo mesi?? grazie spero di ricevere aiuto.

[#1] dopo  
Dr. Roberto Chiavaroli

32% attività
4% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
la terapia che le è stata data era dovuta ad una visita medica effettuata quando mi pare di capire che lei stesse comunque abbastanza bene...
se adesso ha la febbre continuamente, sono comparse delle pustole ed il malessere è importante mi recherei nuovamente al pronto soccorso per una visita ( ne' telefonica ne' via internet)

Saluti
Dr. Roberto Chiavaroli