Utente 227XXX
Buon giorno. Da più mesi ormai convivo con ansie dovute a linfonodi del collo ingrossati: in particolare uno a sinistra sotto la mandibola e uno sul retro del collo sempre a sinistra. Due anni fa li avevo scoperti e dopo alcuni esami del sangue il medico mi ha riferito che erano dovuti a mononucleosi in corso. Col passare dei mesi, si sono ridimensionati e mi sono dimenticata di tutto. Quest'estate invece mi si sono ripresentati (sempre gli stessi) e ad oggi sono ben palpabili. Non so se sia importante, ma comunico che a luglio ho tolto un dente del giudizio proprio a sinistra. Sempre nello stesso mese ho fatto un'ecografia al collo che ha evidenziato la presenza di linfonodi di natura reattiva, soprattutto a sinistra, di 14 millimetri al massimo. Non so più cosa pensare...potrebbero essersi riattivati per una semplice estrazione del dente? Potrebbe essere ancora il virus della mononucleosi latente? In effetti, da quando l'ho contratta anche altri sintomi ad essa legati non sono del tutto spariti, quali sonnolenza, astenia generale...
Vi ringrazio anticipatamente ed eventualmente vi chiedo quale è lo specialista cui rivolgersi per avere informazioni più certe.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

è normale che molte persone abbiano un ingrossamento di linfonodi del collo; si tratta di strutture linfatiche che ci proteggono dai germi e dalle relative infezioni che assai frequentemente entrano dalla bocca e dal naso.
Una volta ingrossati, i linfonodi restano tali.
Se l'ecografia referta che si tratta di linfonodi di natura reattiva, si tratta, appunto, di reazione agli insulti infiammatori di agenti infettivi.

Uno specialista da consultare? uno specialista in medicina interna o in infettivologia.


Buona serata
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it