Utente 219XXX
Alcuni dubbi sul comportamento da tenere prima del test hiv...premetto che chiederò la stessa cosa al laboratorio, ma vorrei sapere pure un vostro parere.

- Il prelievo va effettuato digiuno o no?
- Se in questi ultimi tre mesi si è fatto uso, e si sta facendo uso di antibiotici, lisati batterici e immunostimolanti il risultato può risultare falsato? Se si, quanto bisognerebbe aspettare prima di effettuare il test? Nel senso, non bisogna prendere medicine nel periodo in cui si dovrebbe fare il test?

Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

il prelievo per il test HIV non richiede il digiuno
e l'uso recente di antibiotici o di altri medicamenti non influisce sul risultato

Colgo l'occasione per dirle che l'efficacia di lisati batterici e immunostimolanti non è stata provata, tanto che in Francia, per esempio, da molti anni questi farmaci sono stati tolti dal commercio.

buona serata
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 219XXX

La ringrazio Dott. Corcelli per la sua chiara risposta.

Riguardo ai lisati batterici ed immunostimolanti...sto facendo questo vaccino a seguito di una visita dall'otorinolaringoiatra dell'ospedale della mia città, che mi ha riscontrato una faringite cronica (sto pensando di essere stato infettato purtroppo, e non mi metto l'anima in pace, per quello la domanda sul test hiv).

Io non sono medico e non ho la competenza di dire se una cura è valida o no...a questo punto uno si deve fidare di quello che il medico gli prescrive...

Ho letto pure io che in Francia sono stati ritirati, e a dirla tutta ho cominciato la cura controvoglia...ma ci sono dottori, anche in questo sito, che la pensano diversamente...mi sembra che sulla somministrazione di questo vaccino ci sia molta confusione e pensieri discordanti o sbaglio?

Ma perchè se non è stata provata la loro efficacia i medici continuano a somministrarli? (Anche perchè il loro costo è veramente sproporzionato...)

Mi perdoni il dilungamento su questa questione, andando anche fuori tema del post!

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
"ma ci sono dottori, anche in questo sito, che la pensano diversamente.."

la questione non è che uno possa pensarla diversamente
anche perchè i cosiddetti immunostimolanti in Italia sono regolarmente autorizzati, ma ciò non significa che funzionino

si deve dare prova scientifica dell'efficacia di una determinata terapia, che, nel caso degli imunostimolamti, non c'è

Comunque, come dice lei, è meglio non dilungarci su questa questione, che è OT e che ci porterebbe assai lontano.

Buona giornata.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it