Utente 234XXX
Buonasera,
vorrei che qualcuno di voi mi tranquillizzasse, se possibile. 20 giorni fa ho avuto un rapporto cosiddetto a rischio: sesso anale passivo senza protezione. Vorrei però che valutaste queste cose per dirmi con sincerità che rischio ho corso:
1) Su internet ho letto che un rapporto anale passivo senza protezione con partner sicuramente positivo ha un rischio di infezione del 3%
2) Il mio partner ha infilato "poco" il suo pene, circa 2-3 cm, e io non ho avvertito particolare resistenza: c'è un rischio minore rispetto a un vero rapporto anale con pene completamente "dentro"?
3) Non ho notato liquido prespermatico sul suo pene, aveva appena raggiunto l'erezione (il liquido prespermatico esce subito prima dell'orgasmo no?): ma poi questo liquido prespermatico è o non è infettante (pareri contrastanti su internet)
4) Il tutto è durato circa 3-4 minuti
5) Il mio partner occasionale dice di essere HIV-, in quanto a marzo 2013 ha fatto il test: negativo. Da allora ha avuto 5 partner diversi e mi ha rassicurato di essere sempre stato attento e aver usato precauzioni, devo credergli?
6) A 14 giorni dal rapporto a rischio ho fatto l'ELISA con risultato negativo....ha qualche valore questo test? L'infermiera mi ha detto che già dopo 2 settimane nella grande maggioranza dei casi si riescono a vedere gli anticorpi
7) dopo 2 settimane mi sono venute placche alla gola: sono sintomo di una possibile infezione??
Grazie per l'attenzione

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente

Io comprendo bene la sua ricerca di rassicurazioni in merito, ma da qui non possiamo tranquillizzarla in modo assoluto.

Il rischio e' elevato e il test da lei effettuato non ha allo stato attuale una alta sensibilità

Inoltre sono presenti rischi per tutte le atre MST non HIV

Utile effettuare una visita MST con il venereologo per avere un controllo clinico per MST non HIV e test ad alta sensibilità di tipo precoce.

Cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 234XXX

Grazie per la risposta!
Ma quelle percentuali che dicono che il rischio è tra 0,3 - 3 % sono vere? sono statistiche provate?
E poi cosa mi può dire riguardo il liquido prespermatico? E' vero che contiene una bassa carica virale?