Utente 375XXX
Salve sono incinta alla decima settimana e effettuando le analisi del gruppo TORCH sono risultata positiva al citomegalovirus con valori IGG 31 (RIF > 14 positivo) IGM 29 (RIF> 22 positivo). La questione strana è che effettuando il test di avidità è risultata un avidità altissima.. 0,56 (RIF > 0,25 Alta avidità)

Quindi mi chiedo e sopratutto chiedo a voi, ho contratto la mattia in questi 2 mesi o era un infezione vecchia.. vi prego aiutatemi.. sicuri di una vostra risposta vi ringranzio in anticipo.

ps ho gia ripetuto gli esami 2 volte stessi risultati

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Cara Signora,
teoricamente con una Avidity così alta l'infezione è REMOTA.
Il valore modestamente fuori range delle IgM lo valuterei con molta cautela, perchè spesso con le tecniche immunoenzimatiche possono esserci interferenze o false positività.


Io al suo posto, con quel valore di IgM e una avidità così "rapace" :-) starei sereno.

Mi tenga aggiornato se vuole.

Con simpatia.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 375XXX

dottore la ringrazio infinitamente della risposta..purtroppo nella domanda ho trascurato un dettaglio.. l'avidità nei primi esami era era a 0.50 (RIF <0.40 bassa. 0.40-0.65 media >0.65 alta avidità) mentre dopo 20 giorni presso l'ospedale moscati di avellino è risultata a 0,56 (RIF > 0,25 Alta avidità) mentre gli igM e igG erano gli stessi..

vi ringrazio ancora..
Saluti karme

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Cara Signora Karme,
alla luce della precisazione:

-La produzione di IgM anti CMV inizia in fase cuta e si protrae la loro rilevazione si protrae per 3 - 4 mesi dopo l'infezione. Non sono rari i casi, e mi sembra il suo, che a titolo assai basso persistano per lungo tempo.

-Le IgG compaiono dopo 1 - 2 settimane e poi resteranno per tutta la vita.

Nel suo caso, IgM+IgG positive, è necessario valutare con l'avidity la presumibile datazione della infezione.
In 20 giorni una avidità non passa da media a estremamente alta.
Tenga conto che parliamo di un test di particolare sensibilità a svariati fattori tecnici.

Io credo che la sua infezione sia databile a 3-4 mesi fa, quindi prima del concepimento.

Tuttavia parliamo di esami "biologici" che non forniscono una certezza matematica.

Ne ha parlato con il ginecologo che la segue? Lui che ne pensa?
Consiglia una amniocentesi?


Cordiali saluti.

Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 375XXX

Gentile Dott. Caldarola,

si, sono appena tornata da un secondo incontro con un altro ginecologo ed entrambi mi hanno scoraggiata ed indirizzata all'aborto. Mi hanno detto che, avendo una prima avidità media e una successiva avidità alta, è probabile che l'infezione sia in corso e che l'abbia contratta in gravidanza.....il feto potrebbe avere delle conseguenze davvero enormi e questo mi ha spaventata molto! Martedì ho appuntamento al policlinico a Napoli per parlare con uno specialista che credo abbia già avuto modo di affrontare molti casi del genere e che sicuramente mi saprà consigliare meglio (in realtà i due ginecologi che ho consultato non hanno molta dimestichezza con il citomegalovirus). Non so cosa fare, ho paura di rassegnarmi troppo in fretta oppure di intestardirmi e portare avanti la gravidanza nonostante conosca tutti i rischi! Ovviamente, i due ginecologi mi hanno consigliato di sentire lo specialista,e, se decidessi di continuare la gravidanza, di fare l'amniocentesi.

Chi mi da la certezza che, ammesso che l'abbia contratta poco prima del concepimento, non possa portare conseguenze al feto? E poi, una volta fatta l'amniocentesi, il virus potrebbe comunque passare al feto fino ai nove mesi? Una volta nato, sarà comunque positivo al citomegalovirus? potrò allattare? Ho una confusione in testa e mille domande! Mi scusi e la ringrazio per la sua disponibilità e gentilezza.

Saluti
Karme

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Cara Karme,
non trascuri di farmi sapere cosa le dirà il ginecologo di Napoli.
Ci terrei molto.

Ha tutta la mia empatia.

Vincenzo Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 375XXX

Dottore sono appena tornata dal policlinico e dopo la consulenza con vari esperti e con il primario del reparto gravidanza a rischio hanno affermato che quasi sicuramente non si tratta di un infezione primaria.. Per sicurezza l amniocentesi e una buona strutturale..
Vi ringrazio calorosamente ;)

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Signora cara,
non immagina quanto sia contento!!!

Mi tenga aggiornato, mi raccomando!!
;-)

Carissimi saluti!!
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.