Utente 388XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 31 anni

il 24 luglio scorso ho fatto gli esami completi per poter donare il sangue. Due giorni fa il medico incaricato mi chiama e mi dice che gli esami vanno bene tranne per un falso positivo per sifilide. Lui mi dice che il primo screening ha dato come risultato una leggera positività alla sifilide ma che lo screening di secondo livello ha dato esito negativo. Ovviamente non sono risultato idoneo per la donazione e dovrò ripetere gli esami più avanti. Il medico però mi ha anche detto di non preoccuparmi e che la precauzione presa di ripetere gli esami è solo un atto dovuto per coloro che vogliono diventare donatori. Ma io non mi devo preoccupare davvero? Ho letto un pò in internet la sintomologia della sifilide e a me non sembra di avere alcuno dei sintomi indicati. Ad ogni modo lunedì prossimo parlerò con il mio medico di base.
Voi cosa mi dite?
Grazie in anticipo per la vostra disponibilità

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Lizioli

24% attività
0% attualità
8% socialità
VARESE (VA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
L'esame che può risultare falso positivo è sicuramente la VDRL. Tale test può risultare positivo non solo per la sifilide, ma anche per la malattia di Lyme che nella sua regione è abbastanza diffusa oltre che per una serie di alterazioni di altri organi.
Nel caso la VDRL continuasse ad essere positiva le suggerirei un consulto reumatologico e cardiologico.
Se il test di secondo livello è risultato negativo escludo categoricamente l'infezione sifilitica.
Cordiali saluti
Dr. Alessandro Lizioli MD
Medico Spec. Malattie infettive e Psicologia clinica

[#2] dopo  
Utente 388XXX

Gentile Dr. Lizioli, la ringrazio molto per la sua risposta. Oggi ho ritirato il referto degli esami presso la banca del sangue, i quali appunto riportano:

Sierodiagnosi LUE: Reattivo
R.P.R.: Negativa
T.P.H.A.: <1:80

Mi hanno chiesto di ripetere gli esami ai primi di settembre. Posso tenerla informata?
A proposito della malattia di Lyme non ne ho mai sentito parlare e neanche il mio medico di base me ne ha mai accennato. Devo preoccuparmi?
Ammetto che fin da giovane ho sempre sofferto di dolori alle articolazioni (soprattutto alle ginocchia). Sempre il mio medico mi aveva fatto eseguire alcuni test di reumatologia (scusi ora non ricordo quali specifici) ma erano risultati negativi.
Grazie ancora!

Cordiali Saluti

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Lizioli

24% attività
0% attualità
8% socialità
VARESE (VA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Come ritenevo escludo l'infezione sifilitica. Certamente sarebbe utile la ripetizione degli esami almeno per un'ultima volta. Mi tenga pure informato. Per quanto riguarda la malattia di Lyme, si tratta di un'infezione provocata dal morso di zecche selvatiche che trasmettono un battere molto simile ai Treponema (Borrelia burgdorferi) che si manifesta nel tempo con dolori articolari. La malattia è diffusa tra i boschi del Sud Tirolo e dell'Austria. Può trovare informazioni in rete. Sicuramente è un'ipotesi, ma le cause di positività alla VDRL sono numerose, tra cui anche alcune patologie cardiache. Per questo le suggerivo una visita cardiologica.
Cordiali saluti
Dr. Alessandro Lizioli MD
Medico Spec. Malattie infettive e Psicologia clinica

[#4] dopo  
Utente 388XXX

Gentile Dr. Lizioli,
ho ripetuto dopo un mese le analisi per l'infezione sifilitica e questo è ancora il risultato:

Sierodiagnosi LUE: Reattivo
R.P.R.: Negativa
T.P.H.A.: <1:80

sono molto preoccupato e come da lei suggerito prenoterò subito una visita cardiologica. Secondo lei devo riferire al medico che mi visiterà di questa reattività?
La per il suo prezioso consiglio!

Cordiali Saluti

[#5] dopo  
Dr. Alessandro Lizioli

24% attività
0% attualità
8% socialità
VARESE (VA)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Ovviamente si. Tuttavia le suggerirei un consulto con un reumatologo, prima. Le positività alla VDRL possono nascondere la presenza di malattie cosiddette autoimmuni che sono di pertinenza reumatologica. Sarà poi il collega ad indirizzarla correttamente.
Comunque ormai è certo che non si tratta di sifilide. Come sempre sono a sua disposizione per ulteriori suggerimenti.
Cordiali saluti
Dr. Alessandro Lizioli MD
Medico Spec. Malattie infettive e Psicologia clinica