Utente cancellato
Buongiorno,

ultimamente vivo in ansia per paura di aver contratto l'hiv, vi spiego la mia storia.

Anni fa ho avuto dei rapporti non completamente protetti, ma dopo aver fatto a 6 mesi i test HIv (uno rapido e uno non - anche per epatite c e altre malattie) sono risultata negativa e non ci ho più pensato.

Successivamente mi fidanzo con il mio attuale ragazzo, tutti rapporti protetti ad eccezione di alcuni rapporti orali. Non mi sono mai fatta grandi problemi perchè lui era vergine.

Infine, qualche giorno fa scopro che mio fratello è sieropositivo e sono ricrollata nella paura. So che la semplice convivenza difficilmente è a rischio di contagio, ma ora mi stanno assalendo i dubbi, ad es. mi sarò lavata i denti per sbaglio con il suo spazzolino?
Inoltre, è da 5 giorni che ho un linfonodo destro ingrossato e palpabile, non mi da dolore nè al deglutire nè al muovere la testa, ma mi preoccupa siccome non mi ricordo di averne mai avuti. Ho paura di aver preso l'hiv da mio fratello in qualche modo, seppur assurdo possa sembrare.

Ad ogni modo già mi sono sottoposta al test, i risutati la settimana prossima.




Cosa ne pensate?

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Grandi studi statistici internazionali e ben condotti confermano che la convivenza con un HIV positivo non determina alcun concreto rischio di trasmissione.
Anche se lei, ipotesi che sinceramente spero per igiene sia solo una sua fissazione, si fosse lavata i denti con lo spazzolino usato da suo fratello mezz'ora prima, de facto non sussisterebbe nessun rischio.
Si consiglia ovviamente di avere cura di tenere forbicine, tronchesine per unghie, pinzette personali: ma questo al di là della presenza di un HIV positivo in famiglia deve essere un sano comportamento che tutti devono adottare.
Si tranquillizzi.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.