Utente 425XXX
Salve, più di 2 mesi fa ho avuto un rapporto con una escort: rapporto con preservativo ma ad un certo punto lei ha avuto una piccola perdita di sangue dalla vagina FORSE dovuta o all'inzio o fine del ciclo
Il pene era protetto dal profilattico ma il sangue ha macchiato un po l'inguine, la base del pene e un po lo scroto.
Dopo alcuni secondi è stato tutto tolto con fazzoletti e salvietta imbevuta
Dopo alcuni minuti mi sono sciacquato abbondantemente con acqua e un detergente intimo

Io non so se la ragazza avesse qualche malattia, ma con questo accaduto c'è possibilità che mi abbia trasmesso qualcosa?

Grazie in anticipo

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Se il pene era protetto dal profilattico e non aveva lesioni a livello delle zone che si sono sporcate di sangue non vedo motivi di preoccupazione per HIV/HBV.

Resta aperto il capitolo delle MST contro le quali il profilattico protegge poco o non protegge affatto: Sifilide, condilomi, mollusco contagioso, ulcera molle e quant' altro.
Di tutte queste malattie la più insidiosa è la sifilide, che può manifestarsi con una lesione primaria atipica sempre più frequente rispetto al sifiloma classico che si vede sui testi "canonici" di Sifilologia.
Pertanto sarebbe bene che a 60 gg dal rapporto ella eseguisse uno screening per Sifilide su sangue (VDRL - TPHA).
Ne parli con il suo Curante o si rechi presso un centro per le MST dove valuteranno de visu la situazione e le forniranno suggerimenti non telematici.

Buona serata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 425XXX

La ringrazio infinitamente per la risposta.
Le anilisi del sangue "nomali" presentano gia questo screening ?

La lesione atipica di cui parlava dove puo manifestarsi e in che modo?

Grazie ancora

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Se è atipica significa che non ha una tipologica, una iconografia codificata.
Lei si faccia vedere per qualunque lesione che non la convince e di recente insorgenza sul glande, sull'asta e nella zona pubica e perineale.

La sierologia per la Sifilide non rientra nella routine: va specificata dal medico prescrittore.

Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.