hiv  
Utente 425XXX
buongiorno egregio dottore, le pongo il mio problema
5 giorni fa, mi sono ustionato un dito e successivamente il giorno seguente si é formata la classica vescica. Ieri sera lavorando mi si é rotta la vescica ed e rimasto lo strato sottostante molto arrossato ma senza tracce di sangue. Oggi ho avuto un rapporto sessuale protetto con una donna di cui non conosco se é infetta da Hiv. Dopo il rapporto mi è capitato di toccarle i genitali con quel dito. Temo di aver preso l'HIV. Posso stare tranquillo? É necessario il test HIV? La ringragio anticipatamente per la risposta. Cordiali saluti

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Non è necessario alcun test.
Stia pure tranquillo.

Saluti.
Dr. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 425XXX

La ringrazio tantissimo per il suo consulto,
Leggendo su internet mi ero preoccupato tantissimo, avevo letto che si può contrarre il virus anche attraverso lesioni, ma non era specificato per le ustioni.
Un ulteriore domanda, essendo una persona ipocondria, non so se riuscirò a dimenticare l'accaduto nonostante le sue rassicurazioni, quando mi posso sottoporre a un esame HIV? In caso di sintomi tipo raffreddore.
La ringrazio .
Cordiali saluti.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Senta facciamo così,
faccia un test HIV di quarta generazione a 30gg (attendibilità >95%) e a 90 gg che è DEFINITIVO.
Diversamente ogni piccolo disturbo sarà una sindrome da sieroconversione.
Tagliamo la testa al toro, come suol dirsi.
Anche se qui non c'è nessun toro a cui tagliare la testa.
Per cui parli con il suo curante e si faccia prescrivere il test a fini terapeutici e non per sospetto contagio.

Buona domenica,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 425XXX

La ringrazio tantissimo per la sua risposta e per il tempo che ha dedicato a me
Dottore mi scusi l'ignoranza essendo un ragazzo straniero non ho capito la sua ultima frase.
Cordiali saluti.

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
L'ultima frase ha il senso che il test serve a lei per tranquillizzarla.
Non perchè sia necessario.

Spero di essere stati più chiaro.

Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 425XXX

La ringrazio tantissimo per la sua risposta
Le chiedo un ultima informazione,
Mi può indicare i motivi per qui posso stare tranquillo, cioè una rassicurazione scientifica,
Non so se sono stato chiaro con la domanda, la ringrazio per la pazienza e per la sua risposta.
Cordiali saluti

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Perchè non c'è stato contatto con sangue.
Perchè c'è stato contatto con il suo sperma e con modeste quantità di secrezioni vaginali.
Infine perchè la lesione al dito non era sanguinante nè si trattava di una ferita aperta.
Spero che le motivazioni siano sufficientemente scientifiche.

Buona serata.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#8] dopo  
Utente 425XXX

Dottore le sue risposte mi fanno sentire sempre meglio, comunque dottore non ci è stato contatto con lo sperma ma è capitato solo di aver toccato la vagina con quel dito. Una curiosità sempre legata a questo fatto. Non essendo uno specialista non riesco a definire se la ustione dopo che la vescica è scoppiata abbia contatto con sangue,pur avendo una foto del dito di quel giorno. Mi può dire se la ustione (non tanto profonda) causi lesioni o ferite aperte a 5 giorni dalla scottatura e un giorno dalla rottura della vescica.?
Grazie infinite per il tempo che sta dedicando alle mie domande.
Cordiali saluti.

[#9] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Ma scusi dopo che la vescicola si è rotta l'epitelio in rigenerazione sanguinava oppure no?
Se non lo sa lei immaginiamo se posso saperlo io!
Le ho già detto che se le deve rimanere il dubbio l'unico modo per spazzarlo via è fare il test.
E' inutile che continua a chiedere rassicurazioni su qualcosa che non posso valutare.
Parliamo del nulla. E lei resta nell'angoscia.
E' inutile menare il can per l'aia.
Vada dal suo Curante e si faccia vedere il dito. E' più utile.

La saluto,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.