Utente 427XXX
Buongiorno.

Sono un ragazzo di trenta anni.

Questa mattina ho eseguito presso l'USL il richiamo del vaccino contro Difterite-Tetano-Pertosse poiché scaduto da oltre dieci anni + il vaccino contro Morbillo-Parotite-Rosolia-Varicella poiché mai eseguito (e ovviamente mai contratto tali malattie infettive).

Desidero sapere se devo aspettarmi degli effetti collaterali e, se si, quali e quando...

Mi riferisco soprattutto alla possibilità di insorgenza di febbre che vorrei proprio evitare...

La Dottoressa dell'USL mi ha detto che in un adulto è difficile che venga la febbre dopo le suddette vaccinazioni, al massimo un po' di dolore nella zona della iniezione...

Cordiali saluti.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Il dolore nella zona di iniezione è molto probabile che insorga.
In genere passa al massimo in 5 - 7 giorni in decrescendo.
Si può accompagnare ad arrossamento cutaneo.
In quanto alla febbre: dipende molto dalla risposta soggettiva al vaccino: si può andare da una sensazione di stanchezza e malessere, con lieve anoressia fino a una febbre che in genere non supera i 38°C e che recede rapidamente.
La febbre e il malessere possono essere controllati con del paracetamolo e sono espressione della immissione in circolo di pirogeni in risposta al vaccino: indicano dunque una buona risposta immunitaria.
Altri sintomi non se li aspetti.
Ha fatto benissimo a vaccinarsi.
Se ha ancora necessità di chiarimenti mi scriva pure.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 427XXX

La ringrazio per la risposta.

Dunque, circa la febbre, può essere anche che non mi venga, giusto?

Se proprio dovesse comparire, quali sono i tempi di insorgenza considerando che i vaccini sono stati fatti oggi giovedì 27 ottobre...?

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Domani...

Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 427XXX

La ringrazio.

Allora speriamo che non mi venga la febbre...!

Per ora sto bene, nessunissimo sintomo...

Cordiali saluti.

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Benissimo,
chi bene inizia è a metà dell'opera..... :-)
Io quando faccio i vaccini, compreso l'antinfluenzale, mi sento rin... beh intontito forse è meglio, per due tre giorni! :-D
Mi tenga aggiornato se vuole.

Buona serata,
Dr. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 427XXX

Gentile Dottor Caldarola,
La aggiorno e Le pongo altre domande considerata la Sua disponibilità e competenza.

Finora (28 ottobre) nessun effetto collaterale a seguito del richiamo del vaccino contro Difterite-Tetano-Pertosse + vaccino contro Morbillo-Parotite-Rosolia-Varicella eseguiti ieri mattina (27 ottobre) presso l'USL.

Secondo Lei, posso allora ritenere che la febbre non mi venga più oppure, per il vaccino contro Morbillo-Parotite-Rosolia-Varicella, potrebbe anche verificarsi nei prossimi giorni?

Inoltre Le chiedo:
il giorno 1 novembre posso iniziare per dieci giorni consecutivi il farmaco ISMIGEN® 50 mg compresse sublinguali, considerando che:

1) ho eseguito i suddetti vaccini (richiamo del vaccino contro Difterite-Tetano-Pertosse + vaccino contro Morbillo-Parotite-Rosolia-Varicella) in data 27 ottobre

e

2) dovrò eseguire in data 22 novembre il vaccino antinfluenzale sempre presso l'USL ?


Ovviamente l'assunzione del farmaco ISMIGEN® 50 mg compresse sublinguali sarebbe una compressa da 50 mg al giorno, da lasciare sciogliere sotto la
lingua, per 10 giorni consecutivi al mese, per la durata di tre mesi consecutivi (1-10 novembre; 1-10 dicembre; 1-10 gennaio).

Sul foglietto illustrativo del farmaco ISMIGEN® 50 mg compresse sublinguali c'è scritto "Si raccomanda un intervallo di 4 settimane tra la fine del trattamento con ISMIGEN® e l’inizio
della somministrazione di un qualsiasi vaccino."

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Carissimo,
penso che la febbre non le verrà più.
In quanto all'Ismigen, avendo effettuato un vaccino vivo attenuato, è bene che posticipi di una quindicina di giorni l'assunzione per non "distrarre" il sistema immunitario già impegnato a produrre IgM contro la quadrivalente.
Il vaccino antiinfluenzale programmato per il 21 novembre lo potrà fare tranquillamente in quella data dal momento che è un vaccino inattivato.
Sull'Ismigen e prodotti similari comunque non speri più di tanto: è un grosso business ma la protezione contro le infezioni batteriche non è stata dimostrata da nessuno studio serio in doppio cieco.
O se sono stati fatti studi sono stati sponsorizzati dalle Case Farmaceuriche: come dire "Cicero pro domo sua"!

Passi un buon week-end!
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.