Utente 428XXX
Buonasera,
vi scrivo poichè dopo 3 giorni da bacio ricevuto da una prostituta, (mi ha poi effettuato un rapporto orale non protetto, ma alle parti basse nessun problema) ho incominciato ad avere mal di gola, lingua infiammata, poca o assenza di salivazione, linfonodi infiammati, tonsille, tonsille linguari e papille gustative infiammate, febbre altalenante e sudorazione.
Il dolore era molto elevato e pertanto dopo 7 giorni mi sono recato al pronto soccorso (ho anche un linfagioma linguare).
Mi hanno fatto gli esami del sangue e questi sono i risultati:

Globuli bianchi 5,13
globuli rossi 5,14
emoglobina 15,7
ematocrito 46,2
vol. corpuscolare medio 89,9
emoglobinico medio 30,5
emoglobinica media 3
piastrine 253

eritroblasti 0%
eritroblasti ass. 0,00

Neurofili 54,2
linfociti 32,6
monociti 10,3
eosinofili 1,9
basofili 1,0
neutrofili ass. 2,78
linfociti ass. 1,67
monociti ass. 0,53
eosinofili ass. 0,10
basofili ass. 0,05

pt (tempo di protrombina)
ratio 1,00
inr 1,00

aptt (tempo di tromboplast. parziale att.) 1,04

Velocità di eritrosedimentazione 4 mm/h
Proteina c reattiva <0,06

t. pallidum - anticorpi totale 0,03
ab anti hiv 1-2 di 4° generazione 0,11

La diagnosi e stata flogosi angioma linguare e tonsillite
Ecco la cura che mi hanno dato:
6 giorni con antibiotico augmentin
6 giorni con cortine medrol
6 giorni con vea oris oil
sciacqui con bicarbonato

Le mie domande sono le seguenti:
Posso stare tranquillo per quanto riguarda sifilide e altre tipi di malattie? Ho fatto gli esami troppo presto? ci sono altri esami da fare?
La saliva assente può essere causata dall'infiammazione della lingua?
E' normale che dopo un giorno e mezzo di cura io non abbia avuto benefici?
La cura che sto effettuando è consona?

Sono disperato, a causa anche del linfangioma linguare, il quale non mi creava problemi da 15 anni.
Vi ringrazio per l'attenzione e vi auguro una buona giornata.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
sulla appropriatezza della terapia non entro nel merito per questioni deontologiche e per questioni pratiche non potendola visitare.
Una tonsillite dopo due giorni dal bacio di una prostituta mi pare una pura casualità.
La fellatio insertiva non protetta è da considerare un rapporto a rischio per MST, HIV compreso il cui rischio di trasmissione è basso ma non nullo. I RAPPORTI ORALI VANNO PROTETTI!!
Gli esami eseguiti in PS non indicano nulla di anomalo, ma la sierologia per la Sifilide (VDRL - TPHA) e quella per HIV sono troppo precoci per avere un risultato minimamente attendibile.

Per tale motivo le consiglio di rivolgersi ad un centro per le MST della sua città, ce ne sono molti e con professionisti validi, in modo da essere seguito nel tempo in maniera razionale e professionale.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 428XXX

Grazie Dottore per il celere riscontro.
Oltre agli esami da lei citati? Ci possono essere altre prassi da effettuare? Ad esempio potrei avere la mononucleosi o qualche herpes? Ed in che modo potrei scoprirlo? Clamidia?

Per quanto riguarda il periodo finestra, andrebbe bene rifare gli esami a 30giorni?
Ho prontamente contattato l'ospedale di Monza divisione malattie infettive.

Tranne dall'Hiv, da tutto il resto si guarisce o permangono definitivamente i dolori?


La ringrazio nuovamente e buona giornata.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
da tutte le MST si guarisce.
Tranne dall'HIV e talvolta dall'HBV che può cronicizzare se non è vaccinato.
Se le verrà la mononucleosi guarirà come centinaia di persone ogni giorno.
Guardi, la tempistica e l'opportunità dei tamponi uretrali sono diverse per le varie MST.
Si affidi all'ottima Infettivologia dell'Ospedale di Monza dove sapranno indicarle gli esami necessari ed i tempi canonici.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 428XXX

Grazie mille dottore per la sua disponibilità.
Il 20 Dicembre, ovvero dopo 23 giorni dal rapporto a rischio, vorrei effettuare questi esami:

Esame emocromocitometro
Eritroblasti
Formula Leucocitaria
Linfociti T, e e nk
tempo di protrombina
tempo di tromboplast. parziale attiva
velocità di eritrosedimentazione
proteina c attiva
ab anti hiv 1 e 2 di 4° generazione
vdrl
tpha
fta-abs
t. pallidum anti corpi totali
antigene del capside virale (vca)igm
vca-igg
antigene precoce d (EA-D)
antigene nucleare epstein barr(ebna)
RIT
T.i.t.

Così facendo potrei stare un po' più tranquillo?
La terapia antibiotica, potrebbe incidere?

La ringrazio
Cordiali saluti

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
mi scusi vorrebbe Lei o glieli hanno prescritti all'Infettivologia di Monza?
Perchè non mi pare che Lei abbia le competenze per decidere quali esami proporre.
Come la tipizzazione linfocitaria che nel suo caso è assolutamente inutile.
O la conta degli eritroblasti.
Le ho già detto di fare riferimento a un centro per le MST dove ci sono medici che proporranno a lei di fare esami opportuni e adeguati alla situazione e non il contrario.
Il contrario lo fanno taluni medici di base che non essendo professionali o essendo francamente ignoranti scrivono tutto ciò che i pazienti impongono loro pur di mantenere iscritto il Paziente stesso che fa numero.
E' una pratica aberrante.
Perciò le rinnovo l'invito a rivolgersi a un centro MST o ad un centro infettivologico, tanto più che l'Ospedale di Monza, di cui parla, è molto qualificato.
Per il resto faccia come vuole.

Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.