Utente 409XXX
Buonasera dottori, sono preoccupata per un fatto e spero possiate chiarire la situazione e rassicurarmi.
Una settimana fa di ritorno dalle vacanze avevo le mani molto screpolate per il freddo, cosa normale per me. Tuttavia mi accorgo all'improvviso di avere l'unghia insanguinata e ho visto che la cuticola era come un pò sollevata e il sangue usciva da lì sotto. Non avendo un cerotto con me ho cercato di tamponare un pò con un fazzoletto anche se non ha smesso subito di sanguinare. Ora sono preoccupata perché è successo mentre prendevo mezzi pubblici. Ho preso l'aereo, treni e autobus e non so se questa cuticola da cui usciva sangue è venuta in contatto con qualcosa di sporco o magari del sangue altrui. Sono abbastanza preoccupata e non vorrei aver preso malattie come hiv o l' epatite. Non me ne sono accorta subito ed è uscito abbastanza sangue dato che avevo l-unghia sporca e ci ho messo un pò per fermare il sanguinamento con il tovagliolo. Certo non mi sono dissaguata ma sanguinava più di un graffio o dei tagli da freddo. Non so dire con precisione se sono entrata in contatto diretto con del sangue ma dato che ho preso molti mezzi pubblici e prima di arrivare a casa a sciacquare le mani sono passate ore ho paura di aver contratto qualcosa. Non ho potuto mettere i guanti perché per sfortuna li ho lasciati in aereo. Spero possiate rassicurarmi e dirmi se basta questo per contrarre queste malattie. Grazie dottori, rimango in attesa di una risposta.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
Signora le vicissitudini che descrive non la pongono a rischio per infezioni di alcun genere.
Lei invece probabilmente ha imbrattato di sangue molte cose che ha toccato, seppure involontariamente, per cui spero che la sezione Malattie infettive non sia sommersa da gente altrettanto patofobica che si è accorta di aver toccato nell'aereo, in treno e in autobus maniglie e appoggi sporchi di sangue.
Visto che dalla sua descrizione il dito sanguinava a profusione.
Buona serata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 409XXX

Caro dottore, il dito non sanguinava moltissimo ma comunque abbastanza e dato che con valigie e biglietti che ho fatto ho potuto toccare di tutto e ho interagito anche con molte persone spero di non aver toccato del sangue o cose del genere. Soprattutto il telefonino che è stato appoggiato da qualsiasi parte è un ricettacolo di germi. Quindi lei dice che anche se non so bene cosa ho toccato e se sono venuta in contatto con sangue che poteva essere infetto posso dormire sonni tranquilli perché non posso aver contratto hiv o simili?

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Signora,
dorma pure sonni tranquilli.
E faccia sogni di oro.
Questo è il mio parere in scienza e coscienza.
Se invece non riesce a rasserenarsi, faccia tutti i test che vuole.
Ma non protraiamo un consulto così banale, se valutato razionalmente, oltre i tre post.
Questo è appunto il terzo.
Buona domenica,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 409XXX

Ma caro dottore non riesco bene a valutare le situazioni a rischio. Oggi con un taglietto sanguinante ho toccato l'accappatoio della ragazza che abita con me, diciamo strofinato. Controllando nel punto in cui l'ho toccato c'era un pelo pubico e delle secrezioni vaginali (lei aveva finito la doccia 5 minuti prima che entrassi io in bagno). Io non so se questa sia o meno una situazione a rischio. La prego mi dica lei dottore.

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Guardi,
qui non si tratta nè del taglietto, nè del pelo pubico e neppure della secrezione vaginale.
Lei ha una malattia della psiche, molto diffusa, che si configura con ossessioni per un determinato "argomento": nel suo caso per le malattie sessualmente trasmissibili.
Lo chiami D.O.C. o come le pare.
Questa malattia oggi si può curare con farmaci adeguati, efficaci e sicuri che uno Psichiatra valido sa ben maneggiare. E si guarisce.
Quindi questo è il mio consiglio in scienza e coscienza.
Perchè oggi è il taglietto, domani sarà un altro incidente banale, e via via in un vortice che renderà la qualità della sua vita sempre peggiore.
Ci pensi, io scrivo nel suo esclusivo interesse. Ma la vita è sua e lei maggiorenne.
Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 409XXX

Gentile dottore proverò a parlare con qualcuno. Perchè inizio ad avere paura di qualsiasi contatto. Ieri sono stata fuori casa tutto il pomeriggio e ad un certo punto ho visto un taglio da freddo bello grosso che sanguinava. Io non sento quando inizia il sanguinamento, ma me ne accorgono solo quando magari guardo la mano e le dita e le trovo insaguinate, e quindi mi preoccupo di tutto quello che ho toccato prima. Non scherzo dottore non è un graffietto, ma è abbastanza esteso.
Non posso aspettare mesi e fare sempre test per le malattie perché così non vivo più, ma non riesco a capire quali sono le situazioni a rischio. Con i rapporti sessuali basta proteggersi, ma con queste feritine non so come comportarmi perché non capisco quando iniziano a sanguinare e ho paura di toccare del sangue o delle secrezioni infette prima di accorgermi che sanguinano. Per favore mi dica lei se in questo caso ci può essere rischio e in generale come riuscire a capire quando è giusto preoccuparsi e quando no. La ringrazio ancora

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Signora,
lei è la stessa utente di cui ho spostato il consulto in Psichiatria.
Lei deve fare una visita psichiatrica perchè è affetta da un gravvissimo disturbo ossessivo.
Ritengo di aver chiuso il consulto con questa risposta.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#8] dopo  
Utente 409XXX

Dottore volevo dirle che sto risolvendo l'infiammazione e i numerosi tagli sanguinanti alle mani con la pomata connettivina dato che la situazione è veramente grave. Per questo le ho esposto la mia preoccupazione riguardo possibili contagi dato che non mi accorgo dei sanguinamenti e sono in giro e prendo mezzi pubblici tutto il giorno e tutti i giorni. Spero per la mia tranquillità che possa confermare ancora una volta che non posso aver contratto con questè ferite sanguinanti hiv o epatiti.
Inoltre avevo fatto delle analisi in cui è risultato:
HBsAb negativo <3

HBsAg negativo 0.00 <0.13 negativo
>0.13 positivo

HBc ab negativo

Hcv abs negativo 0.08 <1 negativo
>1 positivo

Vdrl negativo
Tpha negativo <1:80



Questi valori sono tutti negativi e significa che non ho queste malattie? E nel caso dell'hcv che da 0.08 come mai non è proprio zero?
Queste analisi le ho fatte prima dei tagli a sangue, per cui spero possa aiutarmi a interpretare le analisi e rassicurarmi sul fatto di contrarre le malattie o meno visto lo stati pietoso delle mie mani tale da dover utilizzare la connettivina. Ripeto non sono tagli grossissimi, alcuni più esteso e altri meno ma li ho disseminati nelle dita e nel dorso della mano. Per favore dottore mi dia una mano

[#9] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Signora,
ricominciamo con la Tragedia Greca?
Lei DEVE ANDARE DA UNO PSICHIATRA!! E dato che a suo dire ha le mani con le stimmate o si rechi da Papa Francesco per mostrargliele o più opportunamente vada ad un Dermatologo per trovare la soluzione.
I suoi esami sono negativi senza dubbio alcuno.
Non le deve interessare perchè ha 0.08 di anti HCV, perchè non è una "addetta ai lavori" e io non posso farle una lezione di medicina di laboratorio in questa sede.
Prenda atto che è negativo e stop.
Che mano vuole che le dia?
Le ho già detto di andare da un bravo psichiatra: ma lei da quell'orecchio non ci vuole sentire.
Allora continui a soffrire: quando non ce la farà più sarà tempo di decidersi a curare il suo Disturbo, perchè potrebbe essere che qualcuno glielo imponga con un TSO.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#10] dopo  
Utente 409XXX

Infatti dottore ho provveduto per le mani ma ci vuole un pò di tempo prima che si rimettono dato che oltre i tagli sembrano ustionate. Purtroppo si continuano ad aprire a sangue i tagli.
Io so di essere arrivata al limite e lo capisco perché ho paura pure di aprire il cestino del bagno e di buttare qualcosa per paura di toccare un assorbente che le mie coinquiline hanno lasciato aperto e che quindi mi posso contagiare. Per me questa non è una eventualità remota ma potrebbe capitare che qualcuno in casa lasci un assorbente aperto come ho visto alcune volte. E di certo nel buttare qualcosa nel cestino non posso mica mettere sempre i guanti per aprirlo. Secondo lei è una ipotesi veritiera o ancora mi preoccupo perché così non avviene contagio?

[#11] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Signora senta,
lei sta molto male.
Io per via telematica non la posso aiutare più di quanto abbia fatto.
Per cui non risponderò ulteriormente alle sue domande perchè sarebbe del tutto inutile.
Vada e si faccia curare e non tra 10 gg ma domani!
Auguri.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#12] dopo  
Utente 409XXX

Caro dottore al di là della mia fobia per le malattie mi è capitato un fatto spiacevole. Sto curando le mani con numerosissimi tagli per il freddo, uso sempre i guanti tranne che per cucinare, mangiare e andare in bagno. Tuttavia ieri sera andando in bagno ho notato che la carta igienica striscia un pò sul water quando ci si pulisce in quanto questo è abbastanza piccolo. Sapendo che la mia coinquilina ha le mestruazioni mi sono detta che forse era meglio controllate bene che non vi fossero tracce di sangue. Pensavo di essere paranoica come al solito ma quando ho alzato l'asse dEl water ecco che c'è proprio del sangue,delle gocce. Non so da quanto tempo fossero li ma ho toccato quell'asse del water senza guanti e avendo molti tagli non so se in quel momento qualcuno stesse sanguinando, ma non lo posso escludere. Se il sangue sull'asse è venuto in contatto con mio posso essermi contagiata con hiv ed epatiti? Oppure trattandosi penso di un contatto indiretto non posso contagiarmi?
E se io toccassi il sangue con dei guanti in lattice e poi togliendoli la mia mano nuda toccasse per sbaglio il sangue depositato sul guanto sarei a rischio o è indiretto come contatto? Dottore sono cose successe realmente purtroppo è spero possa dirmi se rischio o meno. Il sangue c'è davvero non è una mia paranoia, quindi la prego mi spieghi se sono a rischio o no per le due situazioni. La ringrazio ancora

[#13] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
No, non si preoccupi.
Il consiglio resta sempre lo stesso: DEVE ANDARE DALLO PSICHIATRA!!!!!
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#14] dopo  
Utente 409XXX

Gentile dottore oggi è successa una cosa preoccupante. Sono andata i farmacia per comprare dei prodotti. Mentre pagavo mi sono accorta che la farmacista aveva una pellicina insanguinata. Una volta arrivata a casa ho usato il prodotti comprati e i entrambi ho visto una macchia, come una strisciata di sangue di color marroncino/rosso scuro. Io ovviamente ho toccato i prodotti e queste macchie con le mani e passando il dito sopra ho visto che si sono tolte. Dottore ho tantissimi tagli sulle mani, alcuni sono graffi e altri sono tagli da freddo. Questi tagli sono venuti a contatto con la macchia di sangue che era sui prodotti e ripeto che questa macchia non era asciutta ma si è tolta dal flaconcino non appena ci ho passato il dito sopra. Non so a questo punto se ci sono altre macchie. Più che una goccia di sangue era come se qualcuno ci avesse strisciato sopra una ferita sanguinante.Se in quel momento anche i miei tagli sanguinavano e sono e trati in contatto con quella macchia che dopo circa 15/20 minuti non era asciutta posso aver contratto hiv o epatiti?