Utente cancellato
Vi spiego brevemente: tra sabato notte e domenica mattina ( ore 2:00 circa ) sono stata morsa dalla cagnolina sul braccio. Un morso abbastanza profondo.
È uscito sangue a lungo, ho lavato prima con acqua, poi con acqua e sapone e infine ho usato circa mezza bottiglia di acqua ossigenata e più.
L 'indomani ho telefonato al dottore che mi ha messo una strizza unica, chiedendomi se avesse il vaccino antirabbico e no, non ne ha.
Questa mattina sono andata in ambulatorio e mi ha detto che, ormai, andare in ospedale era inutile perché, nel caso, avrei dovuto fare l'antirabbica ieri ma che nei PS di zona non ce l'hanno, sarei dovuta andare a Roma.
Inoltre mi ha detto che non esiste più la cosiddetta cura contro il tetano. Che va fatta solo per vaccino.
Visto che è gonfio, il braccio, mi ha dato un antibiotico e del cortisone.
Mi ha detto di tenere la cagnolina sotto osservazione per 10 giorni e se dovesse presentare segni di rabbia e morire, di andare in ospedale.
La mia ipocondria è andata alle stelle e vivo di ansia da ieri, ormai.
Gli ho chiesto cosa accadrebbe, nel caso, visto che ho letto su internet che la malattia è mortale.
Mi ha risposto che è un ipotesi rara perché la rabbia ormai, almeno in Italia, è debellata ( O una roba del genere ).
Ma il suo comportamento è stato contraddittorio, tanto da farmi venire un'ansia che mi sta distruggendo.
Ora, visto le scarse informazioni che mi ha fornito - e la presa in giro che mi ha propinato appena entrata : " il cane è morto?" - , vorrei delle delucidazioni da voi, cortesemente.
1) Perché devo attendere dieci giorni? Ho letto che la rabbia può incubarsi anche per mesi e non mostrare sintomi.
Devo supporre che se fosse stata incubata dalla cagnolina si scateni dopo il morso?
2) Nella remota ipotesi che la cagnolina ce l'abbia e quindi trasmessa a me, dopo dieci giorni di osservazione, non è tardi per una cura visto che il dottore mi ha detto di doverla fare ieri la cosiddetta puntura anti-rabbica e che andare ora in ospedale è inutile?
3) Ieri e oggi, la mia cagnolina ha dimostrato un atteggiamento normale, inoltre ha anche bevuto ( ho letto che sono idrofobici nel caso) e, notando le sue feci, sono normali, non è andata a diarrea come non ha vomitato.
Inoltre, sempre stando alle nozioni trovate su internet, dovrebbe preferire luoghi bui, nel caso, mentre lei - come sempre quando ci sono belle giornate - ama stare all'aperto, al sole.

Ps. Il morso non è stato volontario. Come sempre ( ormai 3 anni ) se la prende con la "nuova arrivata". Ogni tanto, quando sente che le marca il territorio, la morde con ferocia. Io ho messo il braccio, in piena notte, al buio e ha preso me.

In realtà avrei altre domande ma purtroppo, presa dalla paura, ora non me ne vengono altre.
Sarei grata se mi forniste più spiegazioni a tal proposito.

Vi ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signora,
Ma stia pure tranquilla!
Ma quale rabbia: il cane è suo!
La prassi prevede una osservazione di 10 gg del cane che ha morso ma non del suo cane!
Che anche se avesse fatto l'antirabbica avrebbe dovuto essere tenuto comunque in osservazione.
E' evidente che la ferita si è infettata: la flora buccale dei cani è molto ricca di anaerobi.
Quindi occorre un antibiotico mirato tipo la Clindamicina.
Le Immunoglobuline anti tetaniche esistono e sono disponibili, al bisogno, ed è bene che se il morso è profondo lei faccia 500UI.
Ma per la rabbia sia pure tranquilla.
Faccia mordere il medico così la finisce di fare il fesso!
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
379048

dal 2018
Gentile dottore la ringrazio per la risposta alquanto celere e soprattutto della sua cortesia.
Cosa intende con " La prassi prevede una osservazione di 10 gg del cane che ha morso ma non del suo cane "?
Il cane che mi ha morso, appunto, è il mio cane e non ha l'antirabbica.
Lo ha fatto involontariamente, quando ha capito che fossi io ha lasciato subito e da domenica notte è mortificata ( e non esagero ).
Comunque, come antibiotico mi ha dato il clavulin, due volte al giorno, più bentelan da 1mg sempre due volte al giorno.
In farmacia mi hanno confermato che l'antitetanica post perforazioni non esiste più, è irreperibile.
Devo andare in ospedale, nel caso?

Inoltre, gentilmente, può spiegarmi cosa accade nella remota ipotesi che in questi giorni la mia cagnolina abbia davvero la rabbia?
Razionalmente comprendo di sbagliare nel pensare a questa cosa. Sono trascorsi quasi due giorni e sta bene ma il medico di base, associato ad internet, mi hanno spaventato e non poco.
Aggiungiamo il fatto dell'ipocondria ed ecco l'en plain.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
gentile Signora,
quando un cane padronale morde un paziente per legge deve essere tenuto sotto controllo anche a domicilio del padrone per 10 gg.
Se sopravvive non ha potuto trasmettere la rabbia: se decede in questo lasso di tempo viene effettuata l'autopsia e se le indagini confermano che è morto di rabbia si procede alla schedula vaccinale antirabbica più rapida per il morsicato, controllando l'elevazione del titolo anticorpale.
Questa procedura è obbligatoria anche se il cane sia vaccinato contro la rabbia.
Se il suo cane non è mai stato azzannato da altro animale è logico chiedersi da dove abbia potuto prendere la rabbia.
Quindi se vuole se lo osservi per dieci gg ma la finisca con questi isterismi.
Sull'antibiotico mi sono già espresso e non mi pare utile ritornarci.
Per quanto riguarda le immunoglobuline mi riferisco a quelle antitetaniche non a quelle antirabbiche: le immunoglobuline antitetaniche si acquistano in farmacia con ricetta del SSN e sono in fascia A: mia madre le ha fatte dieci giorni fa e il paese in cui vive è al sud e conta 28.000 abitanti.
E' bene che se il morso è profondo lei le faccia alla dose di 500UI in unica somministrazione IM
Se la farmacia si rifiuta di ritirarle la denunci ai NAS!
Non c'è bisogno di intasare il P.S. per queste sciocchezze: è sufficiente un curante che sappia fare il medico: mansione per la quale viene profumatamente pagato mensilmente.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
379048

dal 2018
La ringrazio per la pazienza e mi scuso per gli "isterismi" ma non poter contare sul medico di base, in queste circostanze, non aiuta.
Essere derisa ancor meno. Per quanto riguarda l'antitetanica domani andrò in un'altra farmacia e cercherò il consulto di un ulteriore medico che possa visitarmi direttamente anche se lei è stato una manna dal cielo visto che mi ha rasserenato e anche tanto.
La ringrazio ancora.

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Di nulla!
Sia serena.
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
379048

dal 2018
Gentile dottore, le scrivo per alcune " novità ".
In primis, ho trovato l'antitetanica presso un'altra farmacia e sto per farla - dunque, volevo ringraziarla per aver fatto chiarezza sulla possibilità di reperirla. Ho telefonato al medico di base, furiosa ed era mortificato. Ha incolpato alcuni farmacisti che gli avevano fornito false informazioni, a quanto pare. -
In secondo luogo, volevo porle una domanda : visto che c'è scritto che va fatta entro 24 ore dall'accaduto e, ovviamente, a me sono trascorse circa 50/60 ore, posso stare tranquilla lo stesso? Considerando anche che ho iniziato ad assumere l' antibiotico da subito.

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Si la faccia pure. 500UI!
A me pare che il suo medico sia rimbecillito.
Lo cambi.
Sia serena e tante buone cose,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#8] dopo  
379048

dal 2018
La ringrazio davvero, dottore. Ho fatto l'antitetanica da 500 UI.
Mi è stato molto d'aiuto!
E si, ho già pensato da tempo di cambiarlo ma questa è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso e appena potrò andrò altrove.

Le auguro buone cose!