Utente 443XXX
Gentili Dottori, sono molto preoccupata riguardo una faringite che non va via da 2 mesi, nonostante le terapie antibiotiche. Ai primi di febbraio ho avuto i primi sintomi che comprendevano febbricola, mal di gola e raffreddore. Poichè i sintomi dopo una settimana non venivano meno, ho preso di testa mia, sbagliando, l'antibiotico (Homar), che più di una volta il mio medico mi aveva prescritto in passato. La terapia di 6 giorni si è rivelata inefficace poichè persisteva la febbre ed in più la lingua si era ricoperta di una patina biancastra, per cui sono andata dal medico che, accortosi pure di alcuni linfonodi del collo ingrossati, mi ha prescritto il Cefixoral per 10 giorni. Dopo la cura la febbre è passata ma il mal di gola restava forte, la lingua era sempre bianca, i linfonodi sempre gonfi e perdurava lo stato di malessere generale, con in più nausea e dolori addominali. Ho allora aspettato per più di una settimana sperando che i sintomi si risolvessero da soli, ma cosi non è stato. A questo punto ho fatto un tampone faringeo che ha rilevato lo stafilococco coagulasi positiva con carica batterica >500. Torno dal medico che mi prescrive il Levoxacin, un antibiotico suggerito nell' antibiogramma, per 5 giorni. Sono al quinto giorno di cura ma, sebbene la sintomatologia si sia affievolita, non è scomparsa: resta il mal di gola, un linfonodo dolente, la lingua bianca. Forse 5 giorni di Levoxacin sono pochi? O il batterio ha resistito pure a questo antibiotico. Non so più cosa pensare.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
già il referto microbiologico lascia a desiderare: di un tampone piastrato non si calcola la carica batterica ma si indica il numero di colonie che si sono sviluppate: poche, numerose, mumerosissime.
Ad ogni modo, sempre che lo Stafilococco coagulasi positivo sia implicato nella etiologia della sua faringite, e che l'antibiogramma indichi una buona sensibilità alla Levofloxacina, si interviene per bonificare il cavo orale con 10 gg di trattamento e non 5gg.
Se vuole mi riporti il referto della cultura da tampone e l'antibiogramma: potrò risponderle con maggiore cognizione di causa.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 443XXX

Grazie per la risposta.
Quale altra potrebbe essere la causa della faringite se non lo stafilococco? Non risultano altri batteri dal tampone ed escludo cause virali visto che la cosa si protrae da due mesi. Ripeto che accuso ancora mal di gola, dolori addominali, nausea, malessere e ho un linfonodo che mi accorgo da sola essere ancora gonfio. Ho letto che possono generarsi delle faringiti a causa di problemi gastrici, ma in tal caso non si spiega il malessere generale o la lingua bianca. Avevo pensato alla mononucleosi, ma in questo caso non penso i sintomi sarebbero rimasti inalterati per tutto questo tempo. Le riporto comunque il risultato del tampone.



TAMPONE TONSILLARE

-Carica batterica >500UFC

-Sviluppo di Stafilococchi coagulasi positiva



ANTIBIOGRAMMA

-Cefoxitina +++

-Levofloxacin +++

-Netilmicina ++-

-Tetraciclina ++-

-Eritromicina +++

-Gentamicina ++-

-Rifamcina +++

-Linezolid +++

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve
Per scongiurare l'eventualità che la Levofloxacina abbia selezionato resistenze, può sfruttare la sensibilità del germe ai macrolidi (rappresentati dalla Eritromicina) e assumere il Klacid 500 mg/12 h per 10 gg. Lo spettro di azione è uguale a quello della eritromicina ma l'efficacia in vivo è molto migliore.
Ne parli con il curante.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 443XXX

Lei pensa dunque che dopo 5 giorni si sarebbero dovuti notare miglioramenti maggiori? E che quindi sarebbe inutile portare il Levoxacin a 10 giorni? O ormai vedo che succede dopo i 10 giorni?