Utente 446XXX
Buongiorno, sono un tecnico di laboratorio, nell'effettuare un test rapido per conto dell'ambulatorio MTS, ho stappato una provetta di sangue intero in edta, senza però osservare evidenti segni di possibili schizzi di sangue arrivati sul viso o sulla bocca, sugli occhi avevo gli occhiali da vista e mi sono dimenticata di indossare la visiera, cosa che puntualmente sono solita fare. Sul bancone, e sulla mia divisa non erano presenti macchioline di sangue e nemmeno ho avvertito la presenza sul viso di eventuali goccioline di cui penso mi sarei accorta, se fossero arrivate sulla pelle del viso.
Il campione è risultato negativo al test rapido immunocromatografico sia per HIV che per HCV.
Nell'ipotesi che una goccia di sangue impercettibile al contatto fosse finita sulle mie labbra, senza che me ne sia accorta, quale rischio corro?

Grazie a chiunque vorrà rispondermi, io sono ipocondriaca per natura e probabilmente, sto creando un problema nella mia testa per nulla. Forse ho solo bisogno di qualcuno che mi rincuori.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Cara Signora,
la rincuoro io.
Non si preoccupi perchè non corre assolutamente nessun pericolo.
Passi una serata serena e si scordi di questo episodio.
Non è che ha scelto un lavoro non proprio adattissimo a lei?:-)
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 446XXX

Gentile Dottor Caldarola,
desidero ringraziarla per la celere risposta, e dirle che forse ha ragione, mi piace il mio lavoro, ma vista la mia natura di ipocondriaca (nella vita quotidiana mi sono diagnosticata una serie di patologie che nemmeno sto ad elencare) forse avrei dovuto fare una scelta diversa.
La ringrazio per aver messo a disposizione un po' del suo tempo per me.

Cordiali saluti

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Di nulla!
Buona giornata!
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 446XXX

Gentile dottore,
mi stanno venendo altre paranoie e se mi fossi punta con il dispositivo per realizzare gli strisci di sangue in questo caso di paziente sicuramente HIV +, è possibile pungersi senza accorgersi?
Preciso che indossavo doppi guanti, maschera e ho usato una salviettina di carta a tre strati ripiegata per estrarre il piccolo dispositivo a pressione inserito nella provetta vacutainer. Io sono certa di averlo estratto dalla provetta toccando la parte di plastica superiore e rivolgendo il punteruolo che ha la punta piatta ed è cavo verso l'apposito contenitore e di non aver sentito nulla pungermi i polpastrelli.
Ritiene che abbia bisogno di aiuto psicologico? Sono certa di non essermi punta eppure io ho paura comunque.
Grazie
Cordiali saluti

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Cara Signora,
se lei ha questa fobia le opzioni sono due:
- rivolgersi ad uno Psichiatra per curarla con farmaci adatti, sicuri e maneggevoli ed anche abbastanza veloci nel risultato (e non perchè sia matta)
-Cambiare lavoro o collocazione.
Tertium non datur.
Lei non si punta: lo sa benissimo ma il pensiero torna sempre sulla possibilità che l'evento possa essere accaduto: questo è un classico sintomo del disturbo ossessivo - compulsivo.
Che per fortuna si può curare.
Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 446XXX

Gentile dottore,

non appena mi sono tranquillizzata, ecco che la mia mente vola su tutte le possibili situazioni di pericolo, non appena lei mi ha aiutato per il per il primo quesito posto ecco che poco dopo ho preso in considerazione l'ipotesi che potesse essere successo quello che le ho detto, nonostante non ci fossero evidenze in tal senso, nessun senso di puntura (dolore ai polpastrelli), nessun sanguinamento delle dita. La mia mente fa un ragionamento del tipo '' e se non me ne fossi accorta''.
Uno psichiatra è dunque adatto?

Grazie

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Adattissimo!
Non indugi oltre!
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#8] dopo  
Utente 446XXX

Seguirò il suo consiglio.
Grazie mille

Cordiali saluti