Utente 425XXX
Salve,

Sono una ragazza di 27 anni,

Vorrei un parere per quanto riguarda un rapporto orale attivo avuto con il mio ragazzo circa 3 giorni fa. Stiamo insieme da circa due mesi.

Il rapporto è durato poco più di due minuti,
nei quali non ha assolutamente eiaculato, probabile solo fuoriuscita di liquido lubrificante pre eiaculatorio.

Io ho cominciato ad avvertire dal giorno seguente una forte sensazione di nodo alla gola con conseguente gonfiore addominale e dolore di stomaco.

Le due cose possono essere collegate ed aver contratto qualche tipo di MST?

Attendo un vostro parere.
Cordialità.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
i sintomi che riferisce, con il limite telematico, paiono di origine ansiosa e sicuramente non sono correlati all'HIV.
Sarebbe bene che entrambi, se abbiate intenzione di stare insieme, andaste ad un centro MST della vostra città insieme e faceste insieme i test necessari per escludere che ciascuno dei due sia portatore di MST.
Sarebbe innanzitutto un gesto di complicità di coppia e vi permetterebbe di fare sesso spensieratamente con grande beneficio per la mente e per il corpo.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 425XXX

Grazie mille per il consulto.

Sicuramente faremo gli accertamenti, anche se lui in passato mi ha detto di averli fatti e di stare in perfetta salute.

Volevo sapere, esclusa l'HIV, è possibile aver contratto qualche altro tipo di MST in quella condizione, o qualche irritazione delle mucose orali, o fungo?

Cordialmente

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
certamente!
Un rapporto orale recettivo come il suo, senza protezione, la espone teoricamentea tutte le MST.
Da cui l'invito fatto entrambi nella replica #1
Lei e il suo ragazzo gli esami li dovere fare contemporaneamente: che lui li abbia fatti illo tempore a lei non deve assolutamente interessare.
Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 425XXX

Mi scusi l'insistenza dottore, vorrei porle un' ulteriore domanda se possibile.

Visto che il malessere persiste da 6 giorni, le MST possono dare questo tipo di sintomi nel cavo orale (nodo alla gola, sensazione di gola chiusa, gola che raschia) o pensa sia solo un episodio isolato di ansia, come detto precedentemente?

Cordialità

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
si tratta di un disturbo ansioso a meno che lei non abbia preso una banalissima faringite.
Si tranquillizzi.
Buona domenica,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 425XXX

Buonasera dott. Caldarola,

Non so se è possibile parlare con lei, se ha modo di ricordare il mio consulto precedente, in data 19/05/2017 e se può consigliarmi o quanto meno indirizzarmi sul da farsi

Da allora, ho continuato a riscontrare fino ad oggi, forte nodo alla gola, come già detto, nausea e dolori di stomaco. Sono stata dal mio medico che ha ipotizzato esofagite da reflusso e prescritto Riopan compresse 800mg. Dopo il Riopan, ho iniziato inoltre ad avere un forte bruciore alla bocca, e sulla lingua in particolare, che risulta abbastanza bianca, e ho un forte sapore amaro in gola. Quest'ultima sintomatologia mi sta preoccupando sinceramente, è molto fastidiosa.

Secondo lei da cosa sono dovuti questi disturbi, nel limite del telematico?

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
non ricordo precisamente il suo consulto.
Tra l'altro lei mi parla di un consulto del 19/05 u.s. che è questo.
In ogni caso, se si sospetta una esofagite da reflusso, la medesima va accertata con una gastroscopia, ovviamente dopo aver interrotto la terapia empiricamente assegnatale.
La medesima è anche irrazionale: lei assume un IPP che blocca la secrezione acida e il Riopan che è un neutralizzatore dell'acido gastrico.
La combinazione giusta è costituita da un IPP e da un prodotto che contenga alginato di sodio così da esercitare un effetto barriera quando eventualmente di verifichi il reflusso gastro esofageo.
Tutto questo dopo aver accertato la presenza del reflusso medesimo.
Inoltre i rigurgiti amari che lei segnala, fanno pensare a una discinesia duodeno -gastrica, con presenza di reflusso biliare che non si giova degli IPP: l'unico modo di accertare anche questa possibilità è sempre la gastroscopia.
Il "nodo alla gola" che riferisce potrebbe essere collegato al reflusso, di cui potrebbe essere suggestivo: in tal senso una visita ORL sarebbe molto indicata.
Faccia sapere se vorrà.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#8] dopo  
Utente 425XXX

Mi scusi l'ignoranza, l'IPP sarebbe l'inibitore della pompa protonica? Io ho assunto solo Riopan tre volte al giorno per una settimana. Per alginato di sodio dovrei assumere un medicinale tipo Gaviscon?
La discinesia duodeno -gastrica cos'è precisamente?

Cordialità

[#9] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
si mi scusi tanto mi era sfuggito che assumesse solo il Riopan.
Comunque:
IPP e l'acronino di Inibitore Pompa Protonica.
Il Gaviscon Advance è un ottimo prodotto a base di Alginato di sodio.
La discinesia duodeno gastrica è una incoordinazione dei movimenti gastro - duodenali che possono portare a un reflusso di bile dal duodeno nello stomaco. La stessa bile che è alcalina causa una irritazione delle strutture della mucosa gastro esofagea.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#10] dopo  
Utente 425XXX

Grazie mille dottore.

Buon proseguimento

Cordialità

[#11] dopo  
Utente 425XXX

Gentile dottore,

Vista la sua disponibilità e cordialità volevo porle un mio dubbio se possibile ovviamente e sempre nei limiti del telematico.

I bruciori alla bocca con conseguente sapore amaro, menzionati in precedenza ci sono ancora, ma ho iniziato ad assumere lansoprazolo da 30 mg sotto prescrizione medica in attesa di una visita specialistica da un gastrointerologo, e diciamo che si sono leggermente attenuati, comunque vanno e vengono. Secondo il mio medico di base si tratta di esofagite.
Inoltre ho cominciato ad avvertire vampate di calore alle braccia.

Su internet ho letto che l'esofagite può essere conseguenza dell'infezione del virus HIV. Siccome i sintomi si sono presentati subito dopo un rapporto orale attivo senza eiaculazione precedentemente menzionato, volevo un parere da parte sua, se può esserci correlazione.

Cordialità

[#12] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
guardi l'esofagite da candida può essere presente nell'AIDS conclamata.
Non mi pare che temporalmente ci siano i presupposti per parlarne.
Faccia la gastroscopia piuttosto, chè questa pratica di usare gli IPP ex iuvantibus non ha nè capo nè coda.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.