Utente 466XXX
Gentili Dottori,
ieri sera ho avuto un rapporto sessuale con una prostituta. Non c’è stata penetrazione ma solo masturbazione reciproca e 69. Lei durante il rapporto ha emesso molto squirting cioé ha schizzato liquidi e secrezioni vaginali che sono arrivati anche sul mio glande quando lei stava accovacciata su di me (senza contatto fisico tra lei e me) e ci masturbavamo reciprocamente. Io non indossavo il preservativo e i suoi schizzi vaginali sono arrivati direttamente sul mio glande e orifizio uretrale ed erano abbondanti. Inoltre quando abbiamo fatto poi il 69, lei ha squirtato di nuovo e gli schizzi mi sono arrivati in bocca, alcuni li ho ingoiati involontariamente perché troppo improvvisi. Al momento non mi sono preoccupato della cosa e il rapporto è durato circa 20 minuti con queste modalità. Poi stamattina cercando su internet, ho letto che le secrezioni vaginali possono contenere il virus HIV e il contatto con il glande aperto o con la bocca dell’uomo è molto pericoloso. Ora, però trattandosi di squirting femminile chiedo a voi se c’è la stessa pericolosità di trasporto virus HIV e se è consigliabile che io faccia una profilassi post esposizione con antiretrovirali e conseguenti controlli a 1, 3 e 6 mesi. Inoltre, cosa strana stamattina mi sono svegliato con febbre a 38, naso che cola e mal di gola mentre ieri stavo bene. Vi ringrazio in anticipo per l’aiuto

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
il contatto con le abbondanti secrezioni vaginali di questa prostituta con il suo meato uretrale, il glande, le mucose buccali e faringee rendono questa masturbazione ad alto rischio per tutte le MST, compresa l'infezione da HIV se la meretrice fosse sieropositiva.
A mio avviso la PEP è da prendere in considerazione al più presto: vada al P.S. di un grande Ospedale della sua città per una consulenza infettivologica urgente.
Per lo screening delle altre MST si potrà affidare all'infettivologo che deciderà per la PEP o ad un centro per MST della sua città.
Non credo che la sua improvvisa febbre e i sintomi delle alte vie siano riconducilibi ad una MST: il tempo di incubazione è troppo breve.
L'unico agente etiologico che potrebbe essere preso in considerazione è il Gonococco: dunque una infezione gonococcica del rinofaringe.
Occorre però fare un tampone a fresco, colorato con gram.
Non sono d'accordo con la somminitrazione empirica di alcun antibiotico.
Ne discuta al PS con l'Infettivologo.
Faccia sapere se vorrà.
Cari saluti,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 466XXX

La ringrazio per la sua risposta Dr. Caldarola. Quindi mi devo preoccupare. Io pensavo invece che lo squirting femminile fosse più simile ai liquidi delle urine (cioè basso rischio Hiv) che non alle secrezioni vaginali classiche (alto rischio Hiv). Non è così invece?

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
No non è così.
Se le ho detto che si deve testare significa che in scienza e coscienza ha corso dei rischi per MST!
Lo stesso "69" a cui allude e che presumo includa un cunnilingus praticato da lei alla Signora, e una fellatio praticata a lei dalla signora, anche senza "squirting" l'avrebbe esposta al rischio di tutte le MST.
Un cordiale saluto,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.