Utente 481XXX
Buonasera dottori.
Sono un ragazzo di 22 anni. Il mese scorso dalle analisi del sangue sono risultate un pò le transaminasi alte. Il medico di base mi ha fatto fare una terapia di 20 punture di tad 600 più delle pillole dopo pranzo e dopo cena.
Quando ho fatto una delle ultime punture( la 18esima mi sembra), sono sceso dalla mia vicina di casa, una donna di circa 72 anni, che le sa fare e che le fa a tutto il palazzo dove abito quando c'è bisogno. Però stavolta c'è stato un piccolo intoppo. Dopo che ha inserito l'ago si è accorta che il liquido non stava scendendo e lo ha tolto. Subito dopo tolto mi ha detto che forse si era rovinata la punta dell'ago col prendere il liquido dalla boccetta. Mi inserisce di nuovo l'ago e il liquido scende normalmente. Il liquido forse non stava scendendo perchè da quel lato del gluteo già ne avevo fatte un bel pò di punture durante la terapia. Io nel frattempo ero sdraiato sul letto a testa in giù, senza vedere alle mie spalle ovviamente. Adesso a me è venuto un dubbio che mi sta distruggendo. È possibile che dopo che lei mi ha inserito per la seconda volta l'ago io mi sia infettato con qualcosa? Devo eseguire dei test tipo hiv o altro? Sono terrorizzato.
Siccome io a dicembre 2017 ho eseguito un test hiv(risultato NEGATIVO) per la fissa di un banale sfregamento fra genitali risalente ad anno prima, adesso per qualsiasi cosa ho paura di prendere tale virus. Vi ringrazio per la vostra attenzione per un ipocondriaco come me

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
capita sovente che il farmaco abbia difficoltà a essere iniettato e la causa è anatomica non dipende dall'ago.
Si cambia quindi punto di inoculo e il liquido scende normalmente.
Questa è la stessa operazione che si fa quando aspirando durante una intramuscolare ci si accorge di essere entrati in un vaso.
La pratica è scevra da pericoli di trasmissione di malattie infettive, HIV in particolare, per cui l'invito è alla assoluta tranquillità.
Passi una serena gironata.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#3] dopo  
Utente 481XXX

La ringrazio per la sua gentile risposta Dottore. Le mie paure erano nate dal fatto che quando mi ha detto che forse la punta dell'ago si era rovinata, avevo iniziato a fare film mentali credendo che la signora alle volte l'ago lo avesse toccato in qualche modo con le mani o lei si fosse trafitta prima del secondo tentativo, visto che io ero messo a testa in giù sul letto non vedendo. Quindi posso stare tranquillo e sereno al 100% per Lei Dottore?

Grazie ancora dell'attenzione

[#4] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
il mio parere è che DEVE stare tranquillo al 100%.
Diversamente l'avrei allertata io.
Cari saluti.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#5] dopo  
Utente 481XXX

La ringrazio ancora dottore, è molto gentile. Ormai mi faccio film mentali ovunque dopo l'incubo del test hiv negativo solo per un banale sfregamento tra genitali, e ho una paura assurda ormai anche nel fare qualsiasi cosa perchè credo che ormai sono rimasto traumatizzato psicologicamente. Allora sto tranquillo. Grazie ancora dottore :)

[#6] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Stia pure tranquillo.
Non c'è motivo per non esserlo.
Saluti.
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.