Utente 481XXX
Buongiorno dottori,
Ho scritto in questo sito un mese fa circa raccontando di come un ginecologo avesse effettuato una visita interna ed un pap test alla sottoscritta con i guanti usati per schiacciare il bidone con tutti i rifiuti biologici usati con le precedenti pazienti. Mi è stato detto da voi e dai medici del pronto soccorso che non vi era rischio per sifilide hiv e hcv. Tuttavia ho manifestato in questo mese e mezzo diverse patologia quali una forte faringite, congiuntivite (mai avuta prima) herpes labiale (avuto pochissime volte) scariche intestinali (2 episodi in un giorno e basta) e pollachiuria seguita da perdite vaginali giallo-verdi senza cattivi odori o particolari fastidi salvo un forte bruciore ad inserire lo speculum per il tampone (fatto ieri). Preoccupata ho prenotato dei tamponi vaginali e cervicali e esame urine eseguiti ieri. L'ostetrica dice che il collo dell'utero è molto arrossato. Volevo chiedere se l'episodio in cui la ginecologa ha eseguito la visita interna dopo aver pressato nel cestino dei rifiuti potesse avermi esposta al rischio di contrarre una malattia quale clamydia,gonorrea streptococchi o qualsiasi patogeno che potrebbe portarmi a sviluppare infertilità. Ho dolori lombari da qualche tempo ormai e sono davvero preoccupata. Se così fosse potrebbero già esserci danni permanenti agli organi riproduttivi essendo passati 50 giorni dal presunto evento di contagio? Potrei in attesa dell'esito iniziare delle terapie?da quella ginecologa ho effettuato un pap test risultato 'infiammazione' ma mi chiedo hanno ricercato se vi fossere dei patogeni a scatenarla col pap test o no?

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Dal mio punto di vista, direi di stare serena e non alimentare fobie.

Non ravvedo rischi specifici.
Cordialità
Dr Laino
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it