Utente 506XXX
Buongiorno,
Sono una ragazza di 18 anni e dopo averne provate di tutti i colori chiedo qui, perché ho davvero bisogno di un consulto. Nasce tutto questo gennaio: dolori, fitte, dolore nel deglutire e debolezza estrema. Nessuno capisce cosa ho. Battito cardiaco accelerato, e ci siamo: vado in ospedale e mi trovano un piccolissimo focolaio di polmonite. Un mesetto dopo, faccio una radiografia per controllare se la polmonite se ne sia andata e da lì inizia un Odissea. Dolori continui, fitte intercostali, diarrea e si aggiungono formicolii e debolezza. Faccio di tutto: esami del sangue, delle urine, radiografie ma niente. Tornata in Italia dopo un lungo periodo all'estero, un gastroenterologo mi visita e mi prescrivere vari esami per malattie infettive, tutti negativi, compreso l'esame per la celiachia, ma scopro di aver avuto la mononucleosi. Risultano positivi anche il virus dell'herpes e il citomega, ma più bassi (70) quindi quella presa di "recente" sarebbe stata la mono. Faccio una cura ricostituente ma ad oggi ho formicolii, fitte alle mani e ancora stanchezza (anche se migliorata dopo la cura). Sono terrorizzata anche se sono giovane di avere una malattia neurologica, anche se ho fatto la risonanza magnetica all'encefalo con mezzo di contrasto e va tutto bene. Quella risonanza era stata consigliata anche per vedere eventuali problemi all'ipofisi, però assenti. Io adesso mi chiedo, è possibile che l Mononucleosi lasci una strascico del genere dopo mesi e mesi? Perché formicolii e fitte? Sto diventando paranoica ma mi sembra di non uscirne..il medico ritiene che questo stato potrebbe protrarsi fino a dicembre, è solo che mi sembrano fastidi molto strani e vorrei capirne di più. Grazie in anticipo

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signorina,
impossibile farle una diagnosi a distanza senza dati e senza visitarla.
Occorrerebbe valutare tutto il suo fascicolo clinico, a partire dalla broncopolmonite, e verificare il titolo degli anticorpi anti EBV per effettuare una valutazione della infezione e un tentativo di datazione.
La Mononucleosi è una brutta bestia perchè lo strascico in effetti può durare per mesi, durante i quali è opportuno periodicamente valutare l'evoluzione del titolo anticorpale.
In ogni caso alle nostre latitudini e in soggetti immunocompetenti come lei non sono da temere complicanze ematoncologiche.
La RM dell'Encefalo ( e io avrei eseguita anque quella del Midollo Spinale) se è stata fatta prima e dopo la somministrazione di mezzo di contrasto e non ha rilevato alterazioni del segnale di nessun tipo la deve rassicurare sulla assenza di un coinvolgimento nervoso centrale.
Cerchi di non allarmarsi più di quanto la situazione richiede.
Saluti cari.
Dott. Caldarola.