Utente 103XXX
salve..inazi tutto volevo farvi i complimenti per l'ottimo servizio..la mia storia è lunga..inanzitutto sono molto ansioso e ipocondriaco...a fine agosto ho avuto un rapporto protetto con una prostituta,il preservativo non sembrava danneggiato...dopo un paio di giorni ho accusato stanchezza e una ghiandola sottomandibolare lievemente ingrossata curata con antibiotico... intorno a fine novembre è tornata la stanchezza e le ghiandole del collo ,ascelle eingiune gonfie e ancora la gola infiammata,allora spaventato sono andato dal mio medico curante che mi ha prescritto le seguenti visite;
emocromo completo tutto ok;
ebv anti vca igm 10
ebv anti vca igg 59.2
ebv anti ea igg 5.0
ebv anti ebna igg 3.0
sotto commento :situazione anticorporale da definire si consiglia ricontrollo tra 2-3 mesi;
toxo igg neg
toxo igm neg paziente recettivo.
la dottoressa allora mi disse che era mononucleosi e di stare tranquillo...a gennaio la situazione non migliorava allora ho effetuato altri esami;
ebv anti vca igm 10.0
ebv anti vca igg 62.6
ebv anti ee igg 5.0
ebv anti ebna igg 3.7
commento: situazione anticorporale praticamente sovrapponibile alla precedente per modesta risposta immunitaria.
hcv negativo
hiv 1-2 negativo a 133 giorni dal rischio.
da li la situazione e migliorata infatti la gola si infiamma ma nn e costante come prima e molte ghiandole si sono sgonfiate ma non tutte...ho ripetuto il test hiv a 180 giorni anche se il mio medico diceva che non era opportuno farlo con esito negativo..
Io ancora nn sono del tutto tranquillo e vorrei avere un vostro parere...grazie mille

[#1] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Stia sereno il test HIV che ha fatto è definitivo. Riguardo l'EBV ogni laboratorio ha un riferimento diverso quindi i dati riportati sono parzialmente interpretabili.
Marcello Masala MD

[#2] dopo  
Utente 103XXX

la ringrazio per la risposta..le volevo solo chiedere un ultima cosa se mi consigliava altri esami da effettuare per i miei problemi alla gola e ghiandole o secondo lei e dovuto al mio forte stato emotivo? distinti saluti

[#3] dopo  
37134

Cancellato nel 2009
Gentile paziente una faringite cronica va valutata in un ambulatorio reale e non in uno virtuale, si rivolga ad un collega ORL. Le condizioni emotive di per se possono rendere più acuti e meno sopportabili dei disturbi del faringe, ma certo non danno linfoadenopatia etc.
Marcello Masala MD

[#4] dopo  
Utente 103XXX

grazie per la disponibilità..distinti saluti