Utente 172XXX
Buongiorno,sono un ragazzo di 33 anni e fin dalla nascita ho un disturbo all'occhio sinistro. Gli specialisti a cui mi sono rivolto fin da piccolo lo hanno deffinito come "nervo ottico pigro", hanno aggiunto poi che quello che potevo recuperare in termini di decimi era cià stato recuperato,la diminuzione visiva è di 5-6 decimi.La mia domanda è: potrei chiedere l'invalidità civile per il mio disturbo e in che percentuale?

Inoltre ho dalla nascita una eterometria agli arti inferiori,la differenza e di 1,2 cm, che mi crea mal di schiena e dolore alla gamba più lunga; mi fu ordinato un rialzo di 6 mm. La mia domanda è: è giusto avermi ordinato un rialzo di soli 6 mm quando la differenza è di 1,2 cm?
Potrei chiedere l'invalidità civile e se si in che percentuale mi verrebbe attribuita?

Vi ringrazio anticipatamente e auguro un buon lavoro.

[#1] dopo  
2386

Cancellato nel 2011
Può chiedere al suo medico curante di aprire la pratica per invalidità. Verrà poi visitato da una commissione regionale che valuterà le situazione e le attribuirà una percentuale di invalidità. I benefici variano a seconda della percentuale attribuita. Non saprei dirle, così, la percentuale che potrà raggiungere. Cordialmente. C.Ravalli

[#2] dopo  
Dr. Stefano Bonomo

24% attività
0% attualità
12% socialità
ROMA (RM)
FROSINONE (FR)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
la diminuzone del visus in un solo occhio ha una percentuale molto bassa , va considerata la capacità visiva di entrambi gli occhi, anche considerando la dismetria delle gambe, a meno di un grave deficit deambulatorio che spero lei non abbia, non raggiunge una percentuale minima del 33% per considerarla invalido. Inoltre a meno che la percentuale non arrivi al 46% di invalidità lavorativa i benefici legislativi sono nulli.
DOTT. STEFANO BONOMO MEDICO COMPETENTE AZIENDALE-Specialista in Medicina del Lavoro-

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
considerando le patologie da cui è affetto, viste le tabelle di riferimento, non raggiunge il minimo previsto e pertanto è da considerare non invalido.
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona