Utente 133XXX
egregio dottore,
sono un raggazzo di 26 anni e il 27/08/09 sono stato operato per la riduzione della frattura scomposta bimalleolare dovuta ad un incidente stradale. durante l'operazione sono stati utilizzati dei mezzi di sintesi ( una vite a livello del malleolo mediale e una placca piu' sei viti a livello del malleolo laterale). il motivo per il quale le scrivo e' per cercare alcune risposte che non ho ancora avuto in maniera chiara.
dopo un decorso di 35 giorni di gesso in scarico completo il mio fisioterapista mi ha consigliato di non applicare il secondo gesso trovando parere positivo anche da parte dell'ortopedico ce mi ha operato perche' la calcificazione era gia' buona. ho iniziato subito con la fisioterapia non in un centro riabilitativo ma presso l'ospedale della mia citta' dove ho trovato dei professionisti veramente validi. detto questo senza dandare troppo per le lunghe vorrei chiederle:
---sebbene la riabilitazione stia procedendo in maniera egregia i mezzi di sintesi, una volta completato il ciclo rieducativo, mi limiteranno il movimento o tornero' ad avere una mobilita' totale come l'altra caviglia?
---premettendo che sono un assiduo calciatore, a livello di tempistiche per un possibile ritorno quanto mi devo aspettare?
---i mezzi di sintesi in uno sport di contatto come il calcio saranno un problema? e' meglio toglierli prima di riprendere il calcio giocato?
nel ringraziarla le porgo i piu' cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Solitamente i mezzi di sintesi vengono rimossi, ma una valutazione deve essere data dallo specialista che l'ha operata.
Per i tempi di ripresa sportiva invece, è fondamentale il recupero funzionale completo (mobilità articolare, propriocettività, tono della muscolatura e forza). La valutazione delle condizioni cliniche, effettuata dall'ortopedico e poi (a guarigione clinica avvenuta) dallo specilaista in medicina dello sport forniranno indicazioni sui tempi di recupero.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com