Utente 134XXX
Buonasera. Dopo lungo tempo in cui mi sono un po trascurato per mancanza di tempo, ho eseguito finalmente una risonanza magnetica al ginocchio sinistro, a sèguito di dolori e fitte che attanagliano il mio ginocchio sinistro all'altezza della rotula e del menisco interno. Non sono uno sportivo assiduo, ma pratico solo mountain-bike. I dolori ultimamente, si sono fatti così intensi da richiedere l'applicazione della borsa del ghiaccio, ma non tali da bloccare il ginocchio stesso. Tuttavia al momento sono semi-zoppo e cammino in maniera vistosamente claudicante. Ecco il referto e vorrei chiedere se (nell'attesa di prossima visita ortopedica) dovrò operarmi e quali saranno i miei tempi di recupero. Grazie.


"Scansioni condotte sui 3 piani dello spazio utilizzando le tecniche S.E. , G.R.E. e M.E., con sequenze pesate in T1, T2 e Densità Protonica.

Si osserva frattura su base degenerativa del corpo e del corno posteriore del menisco mediale e fessurazione del corno anteriore del menisco esterno. E’ anche apprezzabile sofferenza osteocondrale da sovraccarico del comparto femoro tibiale mediale.
Il pivot ligamentoso centrale appare indenne. E’ osservabile infiltrato fluido a carattere reattivo flogistico dei complessi capsulo ligamentoso-collaterali con sfumata disomogeneità del profilo inserzionale in sede condilare mediale, compatibile con evento distrattivo di basso grado. L’articolazione femoro rotulea dimostra irregolarità della cartilagine di rivestimento sul versante patellare da iniziali fenomeni di fibrillazione e sofferenza da sovraccarico. Assenti alterazioni di segnale a carattere patologico in sede midollare dei capi ossei in esame."

[#1]  
Dr. Umberto Donati

40% attività
12% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
SAN GIOVANNI IN PERSICETO (BO)
FORLI' (FC)
MONTE SAN PIETRO (BO)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2007
Dalla lettura del solo referto di una RMN non è possibile decidere se deve essere operato, nè quindi conoscere i tempi di recupero; se così non fosse sarebbe lo stesso Radiologo a poterlo scrivere alla fine del referto. La RMN infatti non ha di per sè alcun significato clinico; acquista importanza solo nel momento che viene a integrare la Sua storia clinica, i Suoi disturbi e i segni clinici che possono essere emersi dalla visita specialistica.
Il referto della RMN descrive una degenerazione dei menischi e una condropatia a carico della rotula.
E' quindi indispensabile una visita specialistica, da parte di un ortopedico esperto in patologie del ginocchio, per vaalutare quali siano i Suoi disturbi e che origine abbiano, per poter poi instaurare un trattamento idoneo.
Ricordi di porre all'Ortopedico dopo che L'avrà visitata tutte le domande che Le verranno in mente (diagnosi, cure possibili, tempi di convalescenza, durata tipo e modi della riabilitazione, tempi di ripresa, attività e sport possibili e da evitare, ecc) , perché solo chi conosce il Suo ginocchio potrà rispondere in modo specifico alle domande sul Suo caso.
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD

www.ortopedicoabologna.it