Utente 156XXX
Salve, sono una ragazza di 28 anni che una settimana fa sono andata a fare una corsetta come al solito, nel tardo pomeriggio; c'è da sottolineare che io non sono un atleta ma per tenermi in forma preferisco correre quando ho tempo ma non avevo mai avuto problemi come quello che mi si è presentato.
La mattina successiva ho subito avvertito un forte dolore alle caviglie, all'altezza della tibia; inizialmente non ho dato molto peso pensando fosse un dolore post-allenamento normale, ma poi i dolori sono proseguiti. Il dolore si concentra soprattutto nella parte ossea e si accentua quando cammino, mentre con il piede a riposo ovviamente mi sento più sollevata e i piedi si muovono normalmente. Inoltre inizialmente il dolore si concentrava in entrambe le caviglie poi lentamente è andato affievolendosi nella caviglia destra, mentre permane ancora in quella sinistra. La terapia seguita è stata quella per semplice contrattura a base di antinfiammatori per bocca (Nimesulide) e Dicoflenac gel con ghiaccio e qualche giorno di riposo completo. Ad oggi (dopo una settimana), il piede destro va meglio, nel senso che non ho dolore nel camminare e non si gonfia se non poco, mentre la caviglia sinistra mi dà ancora dolore nel camminare e si gonfia notevolmente, soprattutto se sto tanto in piedi, mentre se sto a letto il gonfiore si attenua lentamente.

Ho fatto bene a seguire questa terapia?
Potrebbe essere un trauma più grave?

Grazie infinite per la disponibilità,
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Probabilmente si tratta di una periostite, una forma infiammatoria da sovraccarico, spesso correlata ad una anomalia della postura (appoggio del piede, scoliosi ...).
Chi le ha prescritto la terapia? Se non lo ha fatto si rivolga allo specialista in medicina dello sport o in traumatologia dello sport per avere non solo una terapia corretta, ma soprattutto per capire le cause della patologia stessa ed intervenire per prevenirne le recidive.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com