Utente 191XXX
Salve sono un cestista professionista di 20 anni; Inizialmente ho avvertito un dolore al altezza della rotula(sopra) che è andato man mano crescendo; mi è stata quindi diagnosticata una forte infiammazione.Il dolore ha continuato a persistere e mi sono quindi sottoposto a ecografia e ha radiografia(x escludere eventuali calcificazioni).La radiografia mi ha riscontrato un frammento osseo in piu( una specie di rotula bipartita ).Il dolore non è scemato nonostante cure antinfiammatorie laser e tecar.allora mi sono sottoposto a risonanza magnetica dalla quale è uscita una condropatia femoro rotulea; le cartilagini però non sono in uno stato poi tanto brutto(quello che mi è stato detto). ho fatto 10 gorni di esercizi in isometria e esercizi per aumentare la propecettività e il dolore mi è andato man mano calando. solo che riniziando a giocare ( per forza di cose ha un ritmo molto alto essendo un professionista) il dolore è ricomparso. Ho quindi sentito il parere di un chirurgo ortopedico il quale mi ha consigliato il rimedio chirurgico con le staminali. La mia domanda è se con l'operazione il problema si risolve permanentemente? sto cercando prima di affrontare un operazione un rimedio fiseoterapico, ma non so se devo magari abbinare qualche integratore? il problema è una cosa risolvibile o può compromettermi la carriera? L'operazione può essere efficace senza un dovuto riequilibrio muscolare del vasto mediale e dei tibiali?

Ringrazio anticipatemente
Cordiali Saluti

[#1] dopo  
Dr. Roberto Leo

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gnetile utente,
lei e' un professionista quindi, cosi' come lei stesso ci suggerisce impegna intensamente le sue articolazioni e dunque alcune problematiche legamentose o cartilaginee sono da tenere in seria considerazione per il prosieguo della sua carriera
Cio' detto tuttavia proprio per la importanza dell'impegno sportivo sarebbe per noi determinante poterla visitare al fine di fornirle una risposta concreta alle sue domande molto specifiche.
Dal momento che cio' non e' possibile possiamo solo fare ipotesi generiche nel rispondere alle sue comprensibili domande.

1) con l'operazione il problema si risolve permanentemente?
SE IL PROBLEMA ALLA BASE E' UN PROBLEMA CARTILAGINEO ESSO NON SI RISOLVE CON L'INTERVENTO MA SE NE POSSONO ATTENUARE GLI EFFETTI.

2) sto cercando prima di affrontare un operazione un rimedio fiseoterapico, ma non so se devo magari abbinare qualche integratore?
CI SONO MOLTE AZIENDE CHE PRODUCONO INTEGRATORI PER LA CARTILAGINE ANCHE SE PERSONALMENTE RITENGO CHE TALI RIMEDI SIA SCARSAMENTE EFFICACI.

3) il problema è una cosa risolvibile o può compromettermi la carriera?
NECESSARIA UNA VISITA PER RISPODERE A TALE DELICATA DOMANDA

L'operazione può essere efficace senza un dovuto riequilibrio muscolare del vasto mediale e dei tibiali?
IL RIEQUILIBRIO MUSCOLARE E' IN OGNI CASO ESSENZIALE.

Cordiali saluti.
Dr. Roberto LEO