Utente 213XXX
Salve,

sono un portiere di calcio e ho 23 anni.

Da circa un anno e mezzo non mi è più possibile giocare a causa di un dolore agli inguini.

Dopo svariati tentativi con fisioterapisti diversi, sono andato a farmi una risonanza lombosacrale e questo è il risultato:

"il disco intervertebrale compreso al passaggio L5-S1 presenta iniziale riduzione dell'intensità di segnale nelle sequenze T2 pesate in relazione a disidratazione degenerativa associata a riduzione in altezza con procidenza posteriore paramediana, fatto quest'ultimo rilevabile in minor misura anche al passaggio L4-L5".

Sto andando da un fisioterapista che mi sta postando un po la schiena, ma il lavoro più grande lo sto facendo io con corsa-bici-palestra(addominali) seguiti da tanto stretching per rafforzare i muscoli, ma non so se sto facendo un buon lavoro.

Un dottore mi ha consigliato dei cicli di punture alla schiena e pube ma mi è stato sconsigliato in quanto devo risolvere il mio problema prima, cioè quello che causa l'infiammazione all'inguine, probabilmente dovuto a problemi di postura.

Un'altra cosa che mi hanno suggerito di fare sono i plantari, ma non so se possono servire a qualcosa.

Cosa mi consigliate di fare?

Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Carlo De Michele

24% attività
4% attualità
12% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
Credo che il suggerimento datole sia corretto: da quanto lei dice si può ipotizzare che a monte dei suoi disturbi ci siano problemi posturali che però vanno individuati da un Posturologo esperto che valuti in che modo correggerli. A priori ed indipendentemente da una visita diretta non posso dirle quali siano i provvedimenti necessari, ma senza dubbio lavorare sulla muscolatura, specialmente potenziamdola, senza aver prima risolto i problemi di postura potrebbe essere addirittura controproducente, tuttavia cercare di migliorare l'elasticità muscolare è sempre utile.
Cordilai saluti
dr. Carlo de Michele
Medico Internista
Spec in Medicina dello Sport
Medicina Manuale Osteopatica