Utente 207XXX
Buongiorno gentili dottori,

vi scrivo a causa di una preoccupazione che mi sta tormentando ultimamente: il mio ragazzo è un appassionato della palestra (non fa gare, praticca BB solo per piacere personale) e fa uso di sterodi.
Questa cosa non gliela faccio pesare, però sono molto triste.

Nella sua vita ha fatto due cicli, e nell'ultimo ha usato i seguenti sterodi: deca, anavar, primobolan, equipose, winstrol. Il ciclo è durato un anno.

Finito quest'ultimo ciclo, mi ha detto che avrebbe smesso, ma ultimamente mi rendo conto che è propenso a rifarlo nuovamente (non me l'ha detto esplicitamente ma lo immagino io), poichè lui essendo ectoformo fa fatica a mettere massa muscolare.
Io non posso obbligarlo a non farlo perchè ha l'età per scegliere cosa è più giusto per lui, l'unica strada che ho pensato è quella di metterlo di fronte a due scelte: o me o gli anabolizzanti.

Ho letto che se usati con criterio possono non provocare problemi, però mi rendo conto che quando è sotto ciclo diventa aggressivo, sicuro di se, il suo umore ha dei repentini cambiamenti. E poi comunque ho paura che gli accade qualcosa a livello salutare.

Cosa mi consigliate di fare?

grazie
Buona giornata





[#1] dopo  
Dr. Marco Fogli

24% attività
0% attualità
0% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2011
L'uso di anabolizzanti non è solo un problema di Doping, ma un vero e proprio flagello per l'atleta o il praticante attività sportiva che lo usa. Lei ha già visto non solo i cambiamenti fisici ma anche quelli mentali e psicologici (vere proprie alterazioni della personalità) . L'uso di steroidi può portare ad impotenza funzionale erettile, a tumori epato gastrici, ha sindromi da irritabilità e violenza senza motivo. Pertanto la pratica è estremamente dannosa e la palestra in cui riceve tali prodotti o chi li prescrive commette REATO denunciabile alle Autorità Giudiziarie.. Se non riesce a smettere da solo chieda consulto al servizio sanitario della sua zona SERT o al suo medico curante... Ma non si faccia scrupoli ed agisca presto
Dr. Marco Fogli