Utente 179XXX
salve,
nel mese di ottobre, giocando a pallone, mi sono procurato una bruttissima distorsione. Siccome ne ho avute altre l'ho curata con ghiaccio, riposo (3 mesi), bendaggio funzionale (anche solo per camminare nel primo periodo), stampelle per 1 settimana e antiinfiammatori (Nimesulide o Voltaren gel). Data la gravità sarei dovuto andare subito in ospedale, ma siccome sono all'università ho deciso di dedicarmi alle solite cure. Durante il periodo natalizio ho approfittato per fare una radiografia, che non ha evidenziato alcun problema. Comunque non avendo dolore ho ripreso gradualmente gli allenamenti. Siccome però continuo a sentire poca mobilità alla cavilgia (destra) e soprattutto quando "sbatto" il piede destro per terra ho dei fortissimi dolori, durante il periodo pasquale ho fatto un'ecografia che ha evidenziato: Liquido alla cavilgia e infiammazione al tendine d'achille (se volete in qualche modo posso inviarmi le foto dell'ecografia). L'ortopedico mi ha prescritto un'antiinfiammatorio per 5 giorni (OKI bustine) e bendaggio funzionale durante gli allenamenti(ripresi come detto dopo natale). Siccome dall'avvenuta distorsione sono pasati 5 mesi, voi cosa mi consigliate?
Grazie in anticipo per la pazienza e distinti saluti.

[#1]  
Dr. Andrea D'Arrigo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
Bisogna fare attenzioni alle distorsioni, che il piu' delle volte vengono sottovalutate , quando si ha una prima distorsione e' piu' facile poi averne delle altre , sappia che ogni distorsione lascia dei piccoli esiti, che possono trasformarsi in una caviglia instabile e dolente; l' ecografia e' una metodica che ritengo valida perche' offre informazioni importanti , pero' da come lei descrive il problema e considerato il tempo trascorso approfondirei il tutto con una Risonanza magnetica al fine di approfondire eventuali lesioni tendinee; l' esito della risonanza associato ad una accurata visita ortopedica determinera' il trattamento.
Cordiali saluti
Dott. Andrea D'Arrigo
Specialista in chirurgia del Piede e Caviglia