Utente 618XXX
Aiuto!
Ho un dolore al fianco destro da tre anni!
Fino ad oggi ho eseguito i seguenti esami:ecografia ai reni e alla vescica,gastroscopia,clisma opaco,ecografie addominali vari organi (fegato cistifellea pancreas, reni,ecc.),radiografia torace,tac,risonanza magnetica, analisi del sangue, ricerca sangue occulto nelle feci.Sono stato curato fino a questo momento per: gastrite,ernia ietale,calcoli alla vescica,colite e colon irritabile, ecc.
Fino ad oggi nessun risultato.
Veniamo alla sintomatologia il dolore è localizzato sul fianco destro all'altezza delle ultime costole ( quasi dietro le ultime costole). Non è un dolore costante, sembra essere influenzato dal passare del tempo, nel senso che si accentua con il trascorrere della giornata, soprattutto nel caso di postura eretta per tante ore.
Spesso alla guida dell'auto ho la senzazione di avere una sorta di palloncino che mi comprime internamente dietro le costole e sono costretto a guidare con un braccio dietro la testa.
A volte il dolore sembra spostarsi verso la schiena a volte leggermente più in basso.Sono stato visitato da internisti, ortopedici,chirurghi e ora non so più a chi rivolgermi.Avevo smesso di fare sport ( calcetto, corsa , bici) da circa un anno a causa del dolore che si faceva sentire sempre più spesso.La novità è che ho iniziato a correre di nuovo da circa due settimane, mi sono accorto che il dolore ora si presenta dopo poche centinaia di metri e diventa sempre più fastidioso, fino ad impedirmi di correre.Si attenua non appena smetto e si intensifica appena ricomincio a correre.Se invece vado in bici anche per qualche chilometro e sotto sforzo non lo sento cosi intensamente. Non chiedo una diagnosi, ma magari un'ipotesi sulla quale lavorare.
Grazie in anticipo dell'interssamento.

[#1] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
MILANO (MI)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
>> si accentua con il trascorrere della giornata, soprattutto nel caso di postura eretta per tante ore.<<

Potrebbe trattarsi di un disturbo posturale. Ne parlerei con un Chiroprata.


Saluti.

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it