Utente 297XXX
Buongiorno,

spero sia il settore giusto, a volte è difficile azzeccare la categoria,

in un quadro di disturbi che si trascinano da oltre un anno, che comprende questioni organiche e psicosomatiche, c'è una questione che riguarda la "tenuta complessiva del mio corpo"

adulto, 40 enne, non fumatore, astemio, buona forchetta, 178 cm, sempre oscillato fra i 77 e gli 83 kg, non particolarmente tonico, ho condotto una vita molto attiva, non da sportivo, stupidamente, non ho quasi mai fatto esercizio fisico - ma mille lavori, non ho condotto una vita routinaria, sono sempre stato in movimento, con una discreta massa muscolare per quanto con un fisico che tende all'adipe me che viene "manutenuto" molto nella quotidianità

da 2 d'anni sono attaccato al computer, per lavoro, anche 10/12 h al giorno, lavorando a casa, e mi è capitato anche di non uscire per 2/3 giorni di fila, e la mia "manutenzione quotidiana" è andata a farsi friggere, non contento, ho diminuito moltissimo l'apporto di carne

un giorno mi guardo allo specchio e mi rendo conto che la massa muscolare si è drasticamente ridotta, i bicipiti, i pettorali, gli avambracci, e persino i glutei, sempre stati prominenti, tanto da riuscire a passare un braccio sotto la schiena se mi sdraiavo a terra, fatto sta che ora il braccio non scorre quasi più, e i muscoli sono diminuiti di volume e di consistenza, se tendo il bicipite e mi tasto col dito questo affonda facilmente, nonostante il mus muris ci sia ancora… come se non bastasse sono diventato tutto molto più molle, le zone adipose sono mobili, cammino e mi sento tremolare, persino le guance e mi è venuto un po' di doppio mento, lo percepisco quando inclino la testa, e percepisco tremolii anche facendo movimenti minimi, digitando a computer, o sul cellulare, o quando ingrano la marcia in auto mi vibra la carne attorno al tricipite e così via… e non capisco se a tremolare siano i muscoli o l'adipe, anche perché a volte avverto il tremolare in zona spalla o dietro la schiena, altezza scapola…

sto affrontando una serie rilevante di altri disturbi, il mio umore è basso e la tendenza alla paranoia cresce, quindi ho temuto il peggio, malattie degenerative, SLA, distrofie, sclerosi varie… sono stato da un medico chirurgo nutrizionista che mi ha visitato, ha detto che sto bene, ma la ma la visita non si è focalizzata sulle questioni muscolari, solo una visita generica e mi ha dato una dieta, che sto seguendo con precisione ma i cui risultati per ora (circa 3 settimane) sono abbastanza minimi, mentre mi sembra che questa condizione "ballerina" peggiori oggi giorno di più (e magari qui è la paranoia a farla da padrona, ma non ne sarei sicuro)… o a causa della dieta (però a base di carni bianche e legumi, poco olio d'oliva a crudo al giorno, frutta, porzioni da 180 gr) c'è una fase in cui, dimagrendo anche se aumentando le proteine, la "mollità" o la "mobilità" potrebbero aumentare?

(c'è altro testo ma non ci sta in 1 solo inserimento)

[#1] dopo  
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

24% attività
0% attualità
8% socialità
PERUGIA (PG)
CITTA' DELLA PIEVE (PG)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Buongiorno, se ha già escluso patologie neuromuscolari e tiroidee, alla dieta dovrebbe associare anche l'attività fisica per tonificare, per cui dovrà trovare un pochino di tempo da dedicare a Lei.. 10-12 ore seduti non è il massimo per il suo fisico anche se giovane... Dopo una accurata anamnesi e una visita completa il medico dello sport più vicino a Lei o il suo medico di famiglia sapranno consigliarLe al meglio l'attività fisica da svolgere... Cordiali Saluti
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

[#2] dopo  
Utente 297XXX

buongiorno,

intanto, grazie per la risposta,
il mio dubbio è proprio sull'indagine neuromuscolare,

l'elettromiografia non ha trovato nulla,
ma come già spiegavo in una richiesta di consulto cui rispondeva un neurologo, mi era rimasto un dubbio legato a come è stato condotto l'esame, anche per via del fatto che quando ho fatto l'esame ho parlato più dei tremori interni che mi hanno preso poco tempo fa, e non tanto dei muscoli, facendo una ridda di esami non sapevo più quale esame facevo per cosa...

se mi permette incollo la seconda parte del messaggio, non ci stava nel primo inserimento,
ora i miei dubbi sono aumentati a causa della disparità bicipite destro e sinistro, inopinatamente il destro è meno tonico, e io non sono mancino...

sotto la parte che mancava,
purtroppo sto andando all'estero per lavoro e per alcun mei non riuscirò a fare gli esami che mi mancavano...
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>


nel mese precedente sono andato in piscina, nuotando un'ora e mezza con le brevi pause fra la vasche, di chi non effettua una buona respirazione ed è fuori allenamento, una decina di volte,
sicuramente un sollievo psicofisico temporaneo, ma poi ho dovuto interrompere per cause di forza maggiore e oggi la situazione è quello che descrivo, nel frattempo ho cominciato ad avere dei tremori interni, per cui sono andato da un neurologo che mi ha fatto un esame obbiettivo e dice che è tutto ok, ma mi ha prescritto una risonanza (anche se questo non c'entra squisitamente), che farò fra qualche giorno, mentre il medico di base mi ha fatto fare un'elettromiografia, l'ho fatta, il risultato è tutto ok, anche se come dicevo già in un altro consulto neurologico, forse non ero preparato io ad affrontate l'esame, data la ridda di questioni che sto affrontando simultaneamente, e ho fornito un'anamnesi poco dettagliata sulle questioni muscolari… oltre al calo di massa e consistenza, mi capita frequentemente di avere dei dolori, ho passato una giornata al parco, giocando con un bimbo che ho sollevato ripetutamente, e il giorno dopo mi dolevano le braccia… in generale la mia muscolatura si sente "sollecitata" molto facilmente, per esempio, taglio l'insalata con la forbice, eseguendo l'azione per un paio di minuti e il braccio "avverte" uno sforzo, o anche le gambe quando carico il peso in una posizione non regolare, o semplicemente sottoponendo gli arti a una posizione non naturale per brevissimi periodi, cose che un corpo normalmente sopporta senza troppi problemi (a meno che tutto ciò non sia "semplicemente" invecchiamento + mancanza di esercizio + dieta sbagliata), e mi viene più facilmente il fiatone facendo solo una o due di rampe scale o altri sforzi, quando prima ce ne volevano cinque o sei… ad onor del vero, non è che non possa fare gli sforzi fisici, ma li avverto 10 volte di più, anche dopo pochi secondi... inoltre, per quanto bizzarro, il bicipite destro è meno consistente del sinistro, quando li tendo simmetricamente distendendo le braccia a pochi gradi dal busto, cosa assurda, perché non sono mancino, e il destro è sempre stato più forte, anche ora è più voluminoso ma meno consistente, che senso ha? A cosa può essere dovuto?

ora, quello che non è capisco è: se si è avviato un "processo" nel momento in cui la mia sedentarietà è cresciuta in maniera esponenziale, circa due anni fa, quando s'interromperà, visto che sto cercando di cambiare alimentazione e d'iniziare un minimo d'attività fisica? E se invece fosse proprio una di queste malattie che ipotizzavo? Devo rifare l'elettromiografia? Devo confidare in questa risonanza di encefalo, tronco encefalico, rachide dorsale e lombosacrale? Quali altri esami dovrei fare? Oppure non c'è nessun processo in corso e devo fare qualche altro tipo d'indagine?

Nel presente la mia sensazione, visto che in genere la descrizione per quanto metaforica serve a identificare una problematica, è che il mio corpo si stia "disfacendo", che il tessuto adiposo sia più molle (e fin qui non sarebbe niente di grave) e che i muscoli siano più mobili, come se si stessero "staccando dalle ossa" - mi rendo conto che la componente psicologica potrebbe essere forte, e la paranoia potrebbe essere la causa di questa metafora, ma sinceramente, mentre digito questo testo mi sento ballare la carne sotto le cosce e faccio difficoltà a non essere paranoico, per non parlare di mille altri disturbi che sto cercando d'identificare e risolvere, sicuramente essere in una fase di non comprensione di quello che mi accade non depone a favore di una lucidità nell'analisi… inoltre, fra poco devo andare in Grecia per lavoro per alcuni mesi, e l'idea di essere in un universo dove la comunicazione non mi sarà semplice, se dovessi aver bisogno di parlare con qualche medico, non mi arride. Sicuramente avrò tralasciato dettagli, o aspetti da riportare, ma anche così ho scritto molto, e me ne scuso...

[#3] dopo  
Utente 297XXX

ed ecco il link al consulto col neurologo


https://www.medicitalia.it/consulti/Neurologia/362723/Calo-muscolare-ed-elettromiografia

grazie ancora,
ma sono in grande apprensione, a causa dei molteplici disturbi che sto avendo da un annetto a questa parte...

[#4] dopo  
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

24% attività
0% attualità
8% socialità
PERUGIA (PG)
CITTA' DELLA PIEVE (PG)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Allora con indagini ancora in corso conviene aspettare di avere i risultati e poi rivolgersi al neurologo come consigliato nel consulto precedente che mi ha fatto leggere... a livello di funzionalità tiroidea come andiamo? i livelli di TSH E fT3 nel sangue sono normali... gli esami ematobiochimici e reumatologici come sono? i livelli di emoglobina, ferritina sideremia ecc? Penso che abbia già fatto tutto e non sia venuto fuori niente altrimenti lo avrebbe scritto... comunque andrebbe fatta un po più di attività isometrica di potenza per risollevare il tono muscolare... quindi: aspettare risultato rmn e poi rivolgersi al neurologo o medico di fiducia e nel frattempo provi con un po di ginnastica in palestra.. e forse una breve vacanza per distrarsi non farebbe male.. saluti
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

[#5] dopo  
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

24% attività
0% attualità
8% socialità
PERUGIA (PG)
CITTA' DELLA PIEVE (PG)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Allora con indagini ancora in corso conviene aspettare di avere i risultati e poi rivolgersi al neurologo come consigliato nel consulto precedente che mi ha fatto leggere... a livello di funzionalità tiroidea come andiamo? i livelli di TSH E fT3 nel sangue sono normali... gli esami ematobiochimici e reumatologici come sono? i livelli di emoglobina, ferritina sideremia ecc? Penso che abbia già fatto tutto e non sia venuto fuori niente altrimenti lo avrebbe scritto... comunque andrebbe fatta un po più di attività isometrica di potenza per risollevare il tono muscolare... quindi: aspettare risultato rmn e poi rivolgersi al neurologo o medico di fiducia e nel frattempo provi con un po di ginnastica in palestra.. e forse una breve vacanza per distrarsi non farebbe male.. saluti
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

[#6] dopo  
Utente 297XXX

il mio medico di base mi ha fatto fare alcuni esami del sangue, credo anche per la tiroide, ma non ne sono certo, devo verificare che non si trattasse di esami che verificassero problemi al diabete, il problema è che parto domani e vado all'estero per lavoro e non riuscirò nell'immediato a fare questi esami, magari, se mi dicesse con esattezza quali fare, potrei cercare di farli una volta acquisita familiarità con un sistema sanitario che ancora non conosco, e comunque europeo...

cosa intende, chiedo scusa, con attività isometrica?
Cercherò comunque di cominciare con un po' di palestra,
vorrei solo non fare attività mal fatte, causando più danni che benefici, non sapendo ancora a cosa sia dovuta questa sopraggiunta disparità fra le due braccia, ma potrebbe essere plausibile un enorme carico di stress per un deperimento muscolare?

[#7] dopo  
Utente 297XXX

comunque c'è la questione di base, il dubbio di una malattia muscolare...

è verosimile che:

1) muscolatura meno resistente
2) eppure capacità di nuotare un'ora e mezza
3) e anche fare 10 trazioni alla sbarra, prima della dieta non superavo le 7 trazioni e tricipite irrobustito dopo già 10 volte in piscina
4) il muscoli del braccio destro che è quasi come se non si tendessero, quando li fletto in una certa posizione
5) questa percezione di un doppio mento presente, difficile da spiegare ma avverto proprio una senazione fra mento e gola soprattutto se piego la testa verso il petto
6) la mobilità dei tessuti in certe zone del corpo

tutto insieme sia riconducibile all'inizio di una qualche malattia muscolare o sto solo attraversando un tunnel paranoico?

non sono molto sereno...

[#8] dopo  
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

24% attività
0% attualità
8% socialità
PERUGIA (PG)
CITTA' DELLA PIEVE (PG)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Buongiorno, per esercizi isometrici si intendono contrazioni muscolari per brevissimi periodi senza accorciamento del muscolo e quindi senza movimento, per esempio spingere con le braccia un qualcosa che non riesce a spostare, un muro, c'è la contrazione, non c'è accorciamento del muscolo e non c'è movimento.... un buon istruttore la saprà aiutare...Gli ormoni che bisogna dosare per esplorare la funzione tiroidea sono TSH, fT3 fT4...
Come le dicevo, prima di dare la responsabilità di tutto quello che avverte allo stress, bisogna escludere una causa organica, una malattia, se tutti gli esami sono negativi allora diciamo che è lo stress... aspettiamo i risultati degli approfondimenti diagnostici e poi consultiamo il neurologo..saluti
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

[#9] dopo  
Utente 297XXX

buongiorno,

grazie per il chiarimento,
e mi lasci anche spiegare che sono assolutamente d'accordo con lei,
visto che ho anche molti altri sintomi, ed effettivamente alcuni di questi li ho riscontrati in molte descrizioni di problematiche di chi soffre di stress/ansia, diversi medici inquadrano la situazione sotto questo enorme ombrello,

io sono possibilista in questo senso, ma sono convinto che si debba indagare a dovere l'opzione organica, ed è quello che ho cercato di fare finché ero in Italia,
ora sono in attesa dei risultati di una risonanza magnetica quasi onnicomprensiva,

a mio modesto avviso le due opzioni convivono,
secondo me c'è qualcosa di organico, solo che sembra non essere facile individuarlo,
forse le mie spiegazioni non sono chiare, o i medici non mi hanno richiesto tutti gli esami più appropriati,
vedremo...

mi sto chiedendo se questo aspetto, questa mia sensibilità aumentata in diversi punti del mio corpo non sia legata a una neuropatia, o a qualche più semplice nervo compresso, magari da una vertebra o che ne so, ma non lo dico per sparare a caso, ho delle ragioni per ipotizzare, comunque mi fermo perché qui siamo nell'ambito muscolare... non so come farò a fare questi esami isometrici qui in Grecia, mah...

attendo risultato risonanza e poi fornisco anche le info sugli esami del sangue...

intanto la ringrazio nuovamente!

[#10] dopo  
Utente 297XXX

buonasera Dottore,

le posto qualche valore

TIREOTROPINA riflessa > 1,34 (fra 0,25 e 4,20)
c'è poi un'EMOGLOBINA che è a 0.00, nelle urine, è possibile?

e gli altri che cita non li trovo da nessuna parte, nel senso che non credo di averli fatti... possibile che li debba cercare sotto altri nomi in questo esame?

[#11] dopo  
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

24% attività
0% attualità
8% socialità
PERUGIA (PG)
CITTA' DELLA PIEVE (PG)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Salve, questi risultati sono nella norma. . Gli altri esami non servono se questi sono nella norma..
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

[#12] dopo  
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

24% attività
0% attualità
8% socialità
PERUGIA (PG)
CITTA' DELLA PIEVE (PG)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Salve, questi risultati sono nella norma. . Gli altri esami non servono se questi sono nella norma..
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

[#13] dopo  
Utente 297XXX

grazie,

da un lato mi rincuora,
dall'altro mi trovo sempre più perplesso,

faccio davvero fatica a credere che lo stress sia la causa di tutto,

le risonanze hanno riscontrato una "modesta protrusione fra i dischi 7-8"

eppure io sono qui con il braccio sinistro che impazzisce,
l'ultima falange dell'anulare sinistro che pulsa, è tesa, rossa,
e una vena lungo il dito che emerge leggermente,
e sensazioni pressorie/circolatorie che mi disturbano il palmo della mano e l'avambraccio,

e il braccio destro con questo muscolo,
credo sia il brachioradiale, quello che parte alla fine del bicipite, all'altezza del gomito ma all'interno,
che è molto più inconsistente del sinistro...

una dottoressa mi ha consigliato iniezioni intramuscolo di dobetin fiale,
ma aldilà del prendere i medicinali, io vorrei capire cosa mi sta succedendo...

e questi sono solo due dei mille disturbi,
non so più che esami fare,
fatico a credere sia SOLO lo stress,

e questa mobilità del bicipite destro,
è possibile che un'atrofizzazione dei muscoli in generale, quindi un calo di tessuti magri, e un conseguente aumento di quelli grassi, si ripercuota maggiormente sul lato più utilizzato, il destro essendo un destrorso?

e poi, se il mio corpo ha effettivamente subito una trasformazione dovuta al precedente cambio di alimentazione e alla totale sedentarietà, è possibile un'inversione di tendenza?
Le guance che mi ballano quando cammino (diciamo che io lo percepisco molto, è un fenomeno solo leggermente visibile) smetteranno di farlo, se continuo con una dieta, e se comincio a fare attività fisica regolare o ormai i tessuti sono diventati più mobili e fine della storia?

[#14] dopo  
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

24% attività
0% attualità
8% socialità
PERUGIA (PG)
CITTA' DELLA PIEVE (PG)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2013
Salve, bisogna provare altrimenti non lo saprà mai. . Quindi incominci pure l'attività fisica e la dieta e nel frattempo continui a monitorarsi e a riferire al suo medico di famiglia i risultati della RMN e i sintomi avvertiti....
Dr. Antonio Carmelo Ceravolo

[#15] dopo  
Utente 297XXX

quando le ho riferito ALCUNI dei sintomi, mi ha risposto

"brancolo nel buio"

immagini come mi sono sentito...