Utente 711XXX
Salve a tutti, ecco in sintesi la mia storia:

- nel Febbraio del 2003 mi sono procurato uno strappo muscolare mentre correvo; pensando che la cosa si risolvesse nel tempo ho lasciato correre per diversi mesi, nonostante i dolori localizzati sopra l'inguine dx e che si irradiavano fino al testicolo dx;

- l'ecografia fatta da un medico sportivo nel Luglio del 2003 ha riscontrato una lesione al retto inferiore destro, che nei mesi seguenti è via via migliorata;

- i dolori al testicolo dx sono rimasti, localizzati in un punto ben preciso sulla superficie, in corrispondenza di un rilievo di pochi mm con sensazione di bruciore;

- fatta una visita andrologica nel 2005, poi ecografie al ventre ed allo scroto e spermicoltura non è risultato nulla di anomalo, escludendo anche il varicocele;

- alla seconda visita andrologica il dottore mi ha prescritto Celebrex 200 ed il dolore al testicolo dx è scomparso.

Pochi giorni fa (Giugno 2008!) ho provato di nuovo a correre ed il dolore al testicolo dx è ricomparso come prima con l'aggiunta di dolore all'inguine dx, mentre quando cammino o sto a riposo il dolore è molto debole o assente... cosa potrebbe essere e come ovviare?

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Potrebbe trattarsi (vista l'esclusione di patologie del testicolo) di una sindrome pubalgica (vedi: http://www.sportmedicina.com/la_pubalgia.htm ). Le consiglio quindi di rivolgersi allo specialista in Medicina dello Sport per una valutazione della situazione e per una diagnosi corretta.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2] dopo  
Utente 711XXX

Grazie ad un'eco(color)doppler scrotale ho scoperto che il punto doloroso del testicolo dx è una cisti dell'epididimo di 3 mm

[#3]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Allora l'esclusione di patologie del testicolo non era stata corretta. Nel suo caso è l'andrologo a dover intervenire con la corretta terapia.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com