Utente 108XXX
Salve, ho 33 anni,più di un mese fa durante una seduta di palestra, facendo delle ripetizioni sotto massimo sforzo in panca piana per i pettorali,
ho avvertito una strana senzazione ai testicoli: come degli aghi che che si infilavano nello scroto. Finito l'esercizio non ho più avvertito nessuna
senzazione, il giorno dopo però ho avuto un continuo fastidio ai testicoli, come una senzazione di gonfiore. Decisi di astenermi dall'esercizio fisico per una settimana, ed effettivamente il dolore passò. Ricominciata l'attivita fisica il dolore è riapparso, è difficile anche da descrivere, in quanto
a volte sembra che il fastidio salga verso il pene o che si attenui stando in piedi piuttosto che seduti.
Il mio dottore esclude la presenza di varicocele, anche perchè subii un intervento circa 10 anni fa per il varicocele sx; secondo il suo parere potrebbe essere un problema alla schiena o comunque un problema posturale. Andai quindi a farmi una radiografia alla colonna vertebrale e una visita fisiatrica, nella quale si evidenziò una lombalgia a destra di cui già soffrivo e una presunta pubalgia. Leggendo in internet non risconto in me i sintomi tipici della pubalgia,comuque ho iniziato da poco delle sedute con il fisioterapisca, anche secondo lui non c'è nessuna pubalgia.
Ho anche fatto degli esami delle urine senza riscontrare nessuna anomalia.
La senzazione avvertita ai testicoli è simile a quella che provo, quando d'estate vado a correre in bicicletta. Mi chiedevo se non potesse
trattarsi di un problema alla prostata, tipo una infezione dovuta ad una lesione provocata magari dallo sforzo eccessivo. Quali esami potrei
fare per assicurarmi una diagnosi esatta?
Cordiali saluti.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,

mi sembra che il suo medico abbia centrato il problema e la valutazione ed il controllo fisiatrico sono corretti.

Comunque anche una valutazione diretta da parte di un andrologo od urologo potrebbero escludere definitivamente anche tutte le problematiche da lei ipotizzate.

Comunque per avere più pareri le sposto il consulto in area "medicina dello sport-fisiatria" .

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2]  
Dr. Edoardo Pescatori

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
MODENA (MO)
LUGO (RA)
BOLOGNA (BO)
PARMA (PR)
VERONA (VR)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
il fastidio che ci descrive potrebe anche essere spiegato da una sollecitazione a livello dei canali inguinali. Nelle visite cui è stato sottoposto è stata ricercata la presenza di una punta d'ernia inguinale?
Dott. Edoardo Pescatori
Specialista in Urologia - Andrologo
www.andrologiapescatori.it

[#3]  
Dr. Patrizio Vicini

44% attività
20% attualità
16% socialità
ALBANO LAZIALE (RM)
GROTTAFERRATA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Le consiglio una visita specialistica per escludere un varicocele recidivo oppure un'ernia inguinale.
Cordiali saluti
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
Dott. Patrizio Vicini
www.patriziovicini.it
www.chirurgia-plasticaestetica.com
Roma

[#4]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,

rifatte la valutazioni specifiche in diretta poi ci aggiorni, se lo desidera.

Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com