Utente 746XXX
Salve, sono un ragazzo di 25 anni.
L'anno scorso nel mese di Novembre, non riuscendo più nemmeno a calciare il pallone, mi sono sottoposto a dei controlli dai quali mi è stata diagnosticata una Tenosinovite al collo del piede destro che si estendeva lungo tutte le dita del piede.
Il dolore mi impediva addirittura di contrarre il muscolo del polpaccio, perchè tale operazione mi causava dolore al collo ed alle dita del piede.
La causa è a me nota, infatti, secondo l'ortopedico, io all'epoca portavo dei plantari per avere una corretta deambulazione, plantari che in realtà erano deformati, pertanto, con il passare del tempo mi hanno causato questo fastidiosissimo dolore.
Per poter ritornare a svolgere l'attività calcistica da me amata, su consiglio dell'ortopedico, mi sono sottoposto a trattamenti di laserterapia per la rivascolarizzazione dei tessuti e di massaggi dal basso verso l'alto per liberare le ormai occluse guaine sinoviali.
Il mio ortopedico, a seguito di una accurata ecografia, mi ha diagnosticato una Tenosinovite con versamento di liquido nelle guaine sinoviali.
A seguito del totale riposo (dall'attività calcistica) avuto per 3 mesi, della somministrazione di antinfiammatori per via orale, del massaggio esterno con movimenti dal basso verso l'alto, di sedute di nuoto leggero e senza sforzi in piscina, e del trattamento di laserterapia, il liquido si è riassorbito ed il dolore era passato.
Nel frattempo avevo anche cambiato i plantari, ed ora deambulo correttamente.
Oggi, il liquido non si è più ricreato, purtroppo, non posso dire lo stesso per quanto riguarda il dolore.
Passano due mesi ed il problema si ripropone.
Mi sono sottoposto a ultrasuoni, teckar terapia e ionoforesi, ma nessun miglioramento.
Quale può essere la soluzione, che devo fare?
Dovrò abbandonare l'attività calcistica o altro?
Potrò tornare a giocare a calcio senza più problemi?
Vi ringrazio per l'oppurtunità datami e per il prezioso consiglio che mi darete!
Distinti saluti,
Giorgio.

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Le terapie effettuate sono corrette. Probabilmente è necessario un periodo di cura più lungo ed una corretta riabilitazione.
Le consiglio di rivolgersi nuovamente allo specialista per avere ulteriori indicazioni in base alla sua situazione attuale.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com