Utente 184XXX
Buongiorno. Sono 8 mesi che accuso dei problemi al bacino con ripercussioni sulla anca e coscia destra, e che mi fanno vivere decisamente male. Ho eseguito una serie di esami e visite con 2 fisiatrri, 2 ortopedici, 2 neurologi, 1 neurochirurgo, 1 reumatologo. Ho eseguito RMN cervicale e lombosacrale, TC bacino, RX colonna in toto e bacino s.c., ecografia anca destra e pavimento pelvico, EMG ai 4 arti, analisi del sangue. Nessuno è stato in grado di dare una spiegazione ai miei sintomi, in quanto aldilà di un paio di protrusioni giudicate irrilevanti, delle note di spondilartrosi diffuse, di segni iniziali di coxartrosi e di sclerosi delle sacroliache bilateralmente, e di una leggera borsite all'anca destra e di una infiammazione della articolazione sacrococcigea alla inserzione con il grande gluteo di destra, tutti hanno ricondotto i miei problemi ai soli difetti posturali. Per questo ho eseguito un ciclo di ginnastica posturale ed uno di osteopatia, i quali hanno solo ridotto di un 30% i miei disturbi. La cosa strana e che non mi convince, è che tutto il quadro, sebbene già precario, è scaturito dopo un periodo dedicato amatorialmente alla corsa, in occasione della quale ho avuto un paio di episodi di lombosciatalgia che ha coinvolto gluteo, anca, coscia esterna e ginocchio esterno, destri, e che mi hanno fatto zoppicare per alcuni giorni. Per qualche giorno ho avuto la netta sensazione di pendere sul lato destro, mi è sempre stato detto per posizione antalgica. Passata la fase acuta con antiinfiammatori, da allora mi è rimasto un forte senso di instabilità del bacino da seduto ed in piedi se resto nella stessa posizione, un indolenzimento all'anca, coscia e ginocchio esterno destri, ed un senso di maggiore debolezza della gamba destra, nonchè senso di bruciore in zona perineale quando seduto, maggiomente verso il gluteo destro. I miei sintomi della lombosciatalgia post corsa sono sicuro rispecchiano alla lettera quelli della sindrome della bandelletta ileotibiale, che nessuno dei medici consultati ha preso in considerazione, ma a distanza di 8 mesi cosa può essere successo? Perchè ho questi sintomi? Cosa altro dovrei fare?? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ricevendo risposte in questa area Le consiglio di ripostare anche in area ORTOPEDIA.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 184XXX

Egregio Dott Catania,
avevo già postato qualcosa di simile in ortopedia, ma ho ricevuto risposte poco soddisfacenti. Ad oggi non sono riuscito a capire nemmeno se gli esami che ho fatto sono stati sufficienti!!! Ad esempio ho effettuato su indicazione del secondo ortopedico che mi ha visitato, una TAC del bacino (in quanto sospettava una disfunzione delle sacroiliache). Ho riportato il referto testuale su questo ed altri siti medici, ed ho ricevuto risposte tutte diverse.
La mia domanda era la seguente, ed approfitto a questo punto per girarla anche a lei. Se la TAC con ricostruzioni in 2d e 3d senza mdc, dice che non si evidenziano calcificazioni dei tessuti molli periarticolari, nè alterazioni densitometriche delle strutture muscolari, nè significativi versamenti articolari,
posso stare tranquillo che non vi siano danni articolari, tendinei e muscolari all'interno del bacino, oppure sarebbe meglio effettuare una RMN?? Grazie!