Utente 775XXX
Da un paio di giorni, dopo un’allenamento piuttosto intenso su un tracciato in salita ho iniziato ad avere dolore al piede sinistro; il dolore non è localizzato in un solo punto ma tende a “spostarsi” nell’area compresa tra il lato esterno e il tallone. La sensazione è come quella di avere un crampo o un tendine accavallato che mi costringe a camminare sull’avampiede; dopo un giorno, pur essendo stata a riposo, il dolore si è esteso anche un po’ al tallone (più che dolore è indolenzimento).

Premetto che pratico sport a livello agonistico e che non è certamente la prima volta che affronto un simile carico di lavoro. Naturalmente sono già ferma da due giorni, ma il dolore non accenna a diminuire; potrebbe trattarsi di fascite plantare? Devo prendere antinfiammatori o continuare a stare a riposo?

grazie mille per le eventuali risposte

[#1]  
Dr. Andrea D'Arrigo

40% attività
0% attualità
16% socialità
CATANIA (CT)
MESSINA (ME)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2007
In genere negli sportivi e' frequente questo tipo di sintomatologia dolorosa , soprattutto negli atleti agonisti, difficile formulare una diagnosi via internet, sicuramente c'e' stato un sovraccarico dei tessuti che costituiscono la fascia plantare; in questa fase le consiglio il riposo , terapia con antiinfiammatori ( consulti il suo medico per i farmaci ), la borsa del ghiaccio, se il dolore/fastidio dovesse persistere e' opportuno consultare un collega fisiatra per un trattamento riabilitativo di tipo antalgico.
Trovera' su mininforma un articolo riguardo la fascia plantare che potra' esserle di aiuto.
Cordiali saluti
Dott. Andrea D'Arrigo
Specialista in chirurgia del Piede e Caviglia

[#2] dopo  
Utente 775XXX

La ringrazio per la risposta,
sono ferma da una settimana ormai ma il dolore è sempre lì; è solo leggermente diminuito, più che altro adesso sono riuscita ad individuare il punto dal quale si irradia; mi sembra sia un tendine (almeno credo sia un tendine..) che corre lungo tutto l'arco plantare ed in particolar modo ho dolore precisamente sotto la curvatura del piede.

proverò a consultare il mio medico e il fisiatra come da lei consigliato.

grazie di nuovo.

Saluti