Utente 221XXX
Buon pomeriggio.
Sono un ragazzo di 28 anni, da sempre sportivo ma non a livello agonistico.
A partire da ottobre 2009 ho iniziato ad allenarmi un poco seriamente per correre mezze maratone e maratone, e fare gare amatoriali di sci alpinismo.
Gli allenamenti proseguivano regolarmente fino a quando a settembre 2010 a seguito di una visita medica dovuta a dolori alla parte bassa della colonna vetebrale, mi é stato riscontrato l´arto inferiore sx 1.5cm piu corto rispetto al dx.
Dopo una manipolazione fatta da un chiropratico e la distensione dei muscoli, il divario é stato compensato, e gli 8 mm mancanti sono stati colmati con un plantare.
Il dolore alla schiena é somparso ma purtroppo ne é apparso un altro.
Dopo soli 10km di corsa la coscia sinistra nella zona posteriore e dell´attaccatura della gamba all´anca hanno iniziato a farmi sempre piu male, fino ad impedire la corsa, e per un periodo persino una normale camminata di pochi passi o restare seduto su una sedia mi era impossibile.
Dopo diverse visite mediche e massaggi nulla é cambiato.
Solo l´agopuntura ha potuto attenuare il dolore e permettermi di camminare correttamente, di star seduto per piu di mezzora senza avere dolori e di correre di nuovo, ma ora che la terapia é terminata, il dolore si ripresenta solo dopo pochi passi di corsa.
Dalle lastre non appare nulla di anormale nella zona vertebrale, anche se io credo che il problema provenga da li.
Spero che qualcuno mi possa aiutare dato che il problema persiste da un anno ormai, e nessuno é stato fin´ora in grado di fornirmi una diagnosi, definire il problema e propormi una soluzione

Ringraziandovi anticipatamente

Cordiali saluti

Giorgio

[#1] dopo  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Probabilmente si tratta di un problema di sovraccarico su base posturale; forse il plantare adottato non è idoneo e/o è presente uno squilibrio tra i gruppi muscolari agonisti/antagonisti.
A distanza non è possibile dare indicazioni precise ... posso solo consigliare un esame posturale, con un eventuale studio dell'appoggio dinamico del piede (possibilmente eseguito su nastro trasportatore, per avere un quadro chiaro della situazione. Sulla base dei risultati il medico potrà darle indicazioni corrette.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com