Utente 490XXX
Salve, sono un ragazzo di 24 anni che da molti anni pratica calcio.Verso inizio marzo di quest'anno durante le partite di campionato ho iniziato a sentire dei fastidi al basso ventre e sotto i testicoli. In principio ho ignorato i sintomi pensando ad un semplice affaticamento, poi pero' verso la fine di marzo i dolori erano cosi' forti che non riuscivo a terminare le partite e a camminare correttamente. In una prima visita da un medico sportivo agli inizi di aprile mi e' stata diagnosticata una pubalgia e mi e' stato consigliato di fare stretching per gli adduttori e per gli ischio crurali. Verso gli inizi di giugno siccome i dolori non miglioravano ho effettuato un'altra visita da un ortopedico,che eseguendo i vari test muscolari mi ha diagnosticato una pubalgia causata dal muscolo ileo psoas senza interessamento degli adduttori o dei muscoli addominali. Infatti eseguendo esercizi di contrazione degli adduttori e degli addominali non avverto alcun fastidio. L'ortopedico mi ha prescritto comunque delle posture da eseguire mattina e sera per l'ileo psoas,per le catene posteriori,per i muscoli dell'addome e per gli adduttori.Verso la meta' di agosto dopo questa cura la situazione era molto migliorata ma non cessata del tutto, cosi' sono andato dal mio medico di base che mi ha prescritto un'ecografia e una RNM al basso addome e pelvi dalle quali non e' risulato niente. Allora il mio medico di base mi ha prescritto una puntura al mattino di voltaren e una la sera di voltaren + muscoril per 6 giorni. Dopo aver effettuate le punture per un po il dolore era sparito del tutto e ho iniziato gradualmente l'attivita' fisica continuando a effettuare le posture e i vari potenziamenti muscolari. A settembre ho effettuato la preparazione atletica e nel mese di ottobre ho disputato alcune gare di campionato. Il problema e' che dopo gli allenamenti,le partite o durante, avverto ancora dei dolori nella zona testicolare che scompaiono solo dopo aver preso bustine di Rufen O Oki ed effettuato le posture per piu' giorni. La mia paura e' quella che possano tornare i forti dolori per i quali sono stato fermo da aprile ad agosto e che sono stati un'agonia.Come posso risolvere il problema ? Devo effettuare qualche altra cura? Vi prego aiutatemi.

Greazie per le eventuali risposte

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
La pubalgia è spesso causata da alterazioni della postura, rigidità muscolare, abitudini errate (ad esempio l'uso di scarpe sportive per tutto il giorno ...). Quello che non capisco è il motivo per cui non ha più seguito le indicazioni dello specialista, ma quelle del medico di base: la terapia anti-infiammatoria, come ha potuto verificare, ha risolto il sintomo ma non le cause, che devono essere affrontate e risolte con adeguati esercizi di postura, lavoro muscolare specifico ecc.
Per info può leggere questi articoli:
http://www.sportmedicina.com/la_pubalgia.htm
http://www.sportmedicina.com/pubalgia.htm
e poi si rivolga comunque nuovamente allo specialista per continuare la terapia necessaria.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2] dopo  
Utente 490XXX

Grazie per la risposta,comunque forse non risulta chiaro dal primo post, ma oltre alla cure anti-infiammatoria ho continuato anche la terapia fisica dello specialista che continuo tutt''ora, cioe' posture ed esercizi di potenziamento dell'addome e dei muscoli delle gambe. Soltanto che il fastidio non e' mai sparito del tutto(tranne nel periodo delle punture) e da alcuni giorni si e' ripresentato im maniera piu' accentuta. Non capisco come nonostante tutti i miei sforzi, ripeto posture mattina e sera piu' potenziamento muscolare il problema non si risolve del tutto. Cosa devo fare?
Grazie

[#3]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
La pubalgia è una patologia complessa proprio per le cause che sono alla base della sua insorgenza: la terapia manuale (osteopatica, posturale) e la ginnastica non hanno effetti istantanei ma talvolta necessitano di tempi lunghi.
Tra l'altro il solo potenziamento muscolare, senza agire anche sull'elasticità dei mm che concorrono a causare la pubalgia (ischio-crurali e ileopsoas) può essere negativo, così come le cattive abitudini: come già detto l'uso continuo di calzature sportive, ad esempio, può essere estremamente dannoso e causare i sovraccarichi strutturali (alterazione del bacino ...) che fanno infiammare i tendini dei muscoli interessati.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com