Utente 406XXX
Sono ormai anni che mi confronto con questa patologia al gomito sinistro derivante dalla costante pratica tennistica. Il dolore è comparso a ondate e le prime due volte, verificatesi a distanza di qualche anno, sono riuscito ad ovviare con i classici 4 cicli di onde d'urto che sono stati davvero miracolosi. Successivamente è intervenuta anche una rovinosa caduta proprio sul braccio incriminato che mi ha procurato persino una forma di artrite al gomito con un gonfiore dell'articolazione che mi ha afflitto per un paio di anni. Attenuatosi il dolore derivante dalla caduta ecco rispuntare l'epicondilite che stavolta pare comportare una sofferenza non solo circoscritta ma anche generalizzata. Dopo 4 infiltrazioni di acido ialuronico e 4 sedute di onde d'urto mai così dolorose (peraltro con attrezzatura professionale presso il II policlinico di Napoli) sono al punto di partenza, anzi, la parte sembra ancor più dolorante! Le onde d'urto sembrano avermi sensibilizzato ulteriormente l'epicondilo ansichè fungere da antidolorifico e vascolarizzante. Sto per buttarmi sul cortisone anche se so che dovrebbe avere una efficacia limitata nel tempo, ma le alternative iniziano a scarseggiare (rimangono il costosissimo gel piastrinico, ozonoterapia, infiltrazioni di arnica compositum, mesoterapia e operazione...). Cosa mi consigliate??? Grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ricevendo risposte in questa area Le consiglierei di ripostare ANCHE in area ORTOPEDIA

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com