Utente 399XXX
Salve, ho avuto una forte infiammazione al gomito nel 2013.
Dopo trattamento antinfiammatorio, ho fatto 10 sedute osteopatiche/posturali il dolore e`scomparso completamente, nonostante il continuo movimento del braccio per lavoro.
Dallo sport per motivi professionali sono stato fermo due anni circa.
Poche settimane fa` ho ricominciato, allenandomi; al primo sforzo, ho avvertito un forte dolore al gomito che riconoscevo simile a quello provato due anni prima, ho interrotto l` allenamento e prenotato subito una risonanza magnetica al gomito.

Esame eseguito mediante frequenza SE pesate in TI1 T2 esequenze STIR, condotte con multipli piani di scansione
Risposta: non evidenza di alterazioni intensitometiche di significato patologico della spongiosa dei segmenti scheletrici in esame.
Il tendine del tricipide omerale appare disomogeneo in sede inserzionale come per TENDINOSI.
Il tendine comunque degli estensori appare assottigliato e disomogeneo in sede inserzionale omerale come per TENDINOSI.
Non appare possibile escludere una lesione parziale delle fibre tedinee a tale livello.
Nella norma il tratto distale del tendine del bicipide omerale.
moderata quota luida libera nello spazio omero-radicale ed omero-ulnare.
Ho fatto una visita ortopedica e il medico frettoloso mi ha detto: e` cronica e non si guarisce, ma io non rinuncio e voglio assolutamente guarire.
Ho letto delle gravita` per l` organismo dovute alle infiammazioni croniche.
Volevo sapere : - se ci sono possibilita` di guarigione
- qual e` secondo voi la strada giusta da seguire.


Ringraziando del tempo dedicatomi saluto con riguardo.

grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Non ricevendo risposte in questa area Le consiglierei di ripostare anche in area ORTOPEDIA.

Tanti saluti
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com