Utente 938XXX
r.m. caviglia dx
in corrispondenza dell'apofisi anteriore dell'astragalo,in prossimità del suo margine inferiore,si osserva disomogenità d'intensità di segnale con riscontro di modesto edema della spongiosa associato a qualche piccola formazione di aspetto cistico.
in tale sede lo spessore cartilagineo è un poco ridotta.
nn si osservano versamenti articolari.
normale aspetto dei legamenti peroneo-astragalico anteriore,posteriore,peroneo calcanale,deltoideo,del legamento a siepe.
distensione liquida della guaina di scorrimento del tendine del muscolo flessore comune delle dita che è continuo,un poco disomogeneo (tenosinovite).
piu modesta distensione liquida si rileva a livello della guaina di scorrimento del tendine del muscolo tibiale posteriore,anch'esso continuo.
normale aspetto del tendine achille
se qualcuno mi potrebbe dare qualche informazione mi farebbe un favore enorme visto che in italia ce molto d'aspettare per farsi vedere da qualche ortopedico grazie mille

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Mi dispiace ma le "informazioni" a distanza non possono essere fornite, a causa del rischio che potrebbe correre il paziente in caso di errori.
La sua sembra una situazione post-distorsiva con i postumi del trauma subito, ma una corretta diagnosi ed una eventuale adeguata terapia non può prescindere da un esame clinico accurato: se come penso è un atleta, può rivolgersi allo specialista in medicina dello sport che la sottopone annualmente alla visita per l'idoneità agonistica ed avere da lui tutte le indicazioni necessarie sul comportamento da seguire.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2] dopo  
Utente 938XXX

inazi tutto grazie per avermi risposto.
voleva chiederli un ultima cosa
dopo qualche giorno dopo aver scritto su il sito sono riuscito a farmi visitare da un medico ortopedico spiegandoli che un anno fa ho avuto una distorsione e al pronto soccorso me l'hanno fasciata e dopo venti giorni per il medico che ero in cura ero tutto ok e ho ripreso a giocare a calcio però dopo un paio di storte lontane una dall'altra ho cominciato ha sentire male sulla parte esterna della caviglia e ultimamente giocando mi capitava prendere delle storte anche quasi da fermo come se mi cedesse la caviglia.
La risposta del medico (vedendo anche la risonanza) è stata che quello che ce scritto sulla risonanza nn è rilevante e non risolvibile. e per il fatto che mi cede la caviglia è stato un errore del pronto soccorso al mio primo trauma che avrebbero dovuta ingessarmi il piede e per questo motivo non posso farci niente e non ce modo di curarla e se voglio tornare a giocare devo usare un tutore. dicendo che anche la fisioterapia non avrebbe avuto alcun effetto.
La mia domanda è...secondo lei è sensato quello che mi ha detto l'ortopedico e che nn esiste cure,e il risultato della risonanza effettivamente non è ninte. la ringrazzio per la gentilezza e l'interessamento cordiali saluti

[#3]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
La sua sintomatologia qual'è? Ha dolore? Limitazione dei movimenti? Cosa vuol dire quando dice che le cede la caviglia: c'è una instabilità anche nei movimenti normali o la sente instabile quando pratica attività sportiva?
Le ripeto che a distanza non posso darle indicazioni sulla terapia e sui suoi effetti; sono però certo che sia una eventuale sintomatologia dolorosa (causata da fenomeni infiammatori) che l'instabilità possono essere curati con una adeguata fisioterapia e riabilitazione funzionale (ginnastica propriocettiva, tonificazione della muscolatura ...). Se la caviglia possa tornare completamente normale si potrà verificare solo effettuando l'adeguata terapia.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com