Utente 397XXX
Salve, sono una ragazza di 24 anni. Sono alta 157 cm e peso 44/45 Kg. Scrivo perché da un mese la coscia della gamba sinistra presenta un dolore appena sopra il ginocchio fino a metà coscia.
Quando sforzo la gamba (vado in bicicletta, salgo e scendo le scale, o faccio esercizi quali affondi e squat) il dolore si manifesta come una tenaglia che mi stringe il muscolo mentre quando cammino sento bruciore e calore. Ho fatto degli esami reumatoidi ma sono risultati negativi. Ho provato a tenere la gamba a riposo per una settimana ma appena ho ripreso la mia attività fisica giornaliera (o anche solo andare in bici per dieci minuti) il dolore si è subito ripresentato. Ho messo anche creme locali come il fastum gel ma non passa. Ho provato a togliere i plantari correttivi (li indosso perché ho il retropiede varo e ginocchia valghe) ma niente. Non so quale possa essere la causa di tale dolore. Ora lo sto trattando con il Muscoril via orale, una compressa al giorno ma continua a non passare. Come se non bastasse, durante il giorno le gambe si gonfiano diventando pesantissime e questo mi causa più dolore perché devo sforzarmi di più per camminare.
Cosa potrei fare? Sono disperata, ogni giorno è un dolore appena la sforzo un minimo.
Ringrazio in anticipo.
Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Gianpaolo Sardo

28% attività
12% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
GELA (CL)
MAZZARINO (CL)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2015
gentile utente, il suo problema sembrerebbe essere nella particolare conformazione in valgismo del ginocchio. I soli plantari correttivi non bastano specie in concomitanza di una attività sportiva dove facilmente si entra in "sovraccarico funzionale". Nello specifico, quando si alza da una posizione seduta o sale le scale, dovrebbe avvertite un "Tac" al ginocchio non necessariamente fastidioso e/o doloroso. Questa situazione definisce la sindrome femoro-rotulea dove la sotula, sfregando con il condilo femorale provoca una condropatia, una sofferenza delle cartilagini del condilo e della rotula che si consumano.
Detto ciò, le consiglio di fare una radiografia delle ginocchia con assiali di rotula a 30, 60 e 90 gradi. Applichi le ginocchiere con il centratore di rotula (il buco centrale). Un buon antinfiammatorio associato ad un integratore a base di bromelina (se presente versamento intrarticolare)...... e, pazienza.... un pò di riposo funzionale. Se poi la situazione radiologica dovesse presupporre un "aiutino" si può virare verso le intrarticolari di acido ialuronico a basso peso molecolare.
Cordiali saluti
Dr. Gianpaolo Sardo
specialista in Medicina dello Sport - Catania
www.studiomedicostaff.it

[#2] dopo  
Utente 397XXX

Salve dott. Sardo, la ringrazio per aver risposto alla mia richiesta di consulto. Dopo mesi di attesa sono riuscita a fare gli assiali come mi ha consigliato di fare e questa è la diagnosi: "Ai 30° entrambe le rotule appaiono lievemente lateralizzate rispetto alle troclee femorali, situazione lievemente più marcata nei radiogrammi eseguiti a 60° di flessione. Ai 90° entrambe le rotule appaiono in iperpressione esterna, lievemente più evidente a destra"
Non so cosa voglia dire, so solo che il dolore continua ad esserci e lo sto sopportando da tre mesi. Fa malissimo e nessuno mi dà una cura né mi dice la causa.
Lei sa come dovrei muovermi ora?
La ringrazio davvero tantissimo.

[#3] dopo  
Dr. Gianpaolo Sardo

28% attività
12% attualità
12% socialità
CATANIA (CT)
GELA (CL)
MAZZARINO (CL)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2015
gentile utente, come previsto, il suo problema è dato dalla rotula che non essendo trattenuta nel solco femorale da un quadricipite evidentemente insufficente, provoca lo sfregamento della stessa rotula sul condilo femorale. La cartilagine si consuma ed ecco il perchè della sua sintomatologia.
Compri una ginocchiera con il centratore di rotula (il buco centrale). Il miglior rapporto qualità-prezzo a mio parere è quello della Gibaud; la usi quanto più possibile quando cammina o fa la vita di tutti i giorni. Borsa del ghiaccio 30 minuti almeno due volte al giorno. Rinforzi il quadricipite con lo squat, oppure con la leg-extension o la leg press se va in palestra. Vedrà che il problema si risolve.
Cordiali saluti
Dr. Gianpaolo Sardo
specialista in Medicina dello Sport - Catania
www.studiomedicostaff.it

[#4] dopo  
Utente 397XXX

La ringrazio davvero tantissimo per la risposta!