Utente 108XXX
Buongiorno, vi scrivo per chiedervi un consulto riguardo un infortunio che ho subito giocando a calcio. Di seguito riporto l'esito della RMN:
'Indagine RM eseguita in condizioni basali. Non sono riconoscibili alterazioni focali del segnale RM delle strutture ossee esaminate con aspetti di edema spongioso post-traumatico.
Normale e simmetrica ampiezza della rima articolare femoro-tibiale.
Il corno anteriore del menisco laterale e' sede di un'alterazione di segnale con aspetto di lesione di III grado forse a genesi traumatica.
Qualche aspetto degenerativo del corno posteriore del menisco mediale ma senza chiare interruzioni a pieno spessore.
Un modesto versamento e' presente a livello retropatellare e paracondiloidea femorale.
Nessun rilievo RM focale ai legamenti crociati anteriore e posteriore, ai tendini rotuleo e quadricipitale ed al legamento collaterale esterno.
Il legamento collaterale mediale appare ispessito, a segnale disomogeneo, un poco sollevato dal sottostante versamento intercondiloideo, con aspetti pertato di lesione di II-III grado.
Completa normalita' e simmetria dei rapporti femoro-rotulei'.

Ho 35 anni e ho praticato calcio fin da bambino, avendo avuto un solo infortunio serio (stiramento collaterale esterno, 10 anni fa.) Relativamente ai disturbi che mi causa, durante le normali attivita' giornaliere non sento quasi nulla; ho provato a fare una breve corsa e finche' vado in linea non ci sono problemi, ma quando curvo ho una sensazione di instabilita' del ginocchio (che sento anche quando lo lascio 'libero',stando seduto su un tavolo).Questa sensazione mi frena perche' ho il timore di aggravare il danno. In generale sento dolore nelle condizioni in cui il ginocchio deve ruotare (estendendolo o flettendolo e' tutto a posto).L'infortunio risale ormai a un mese fa, e in quest'ultimo mese sono stato a riposo, anche se non in scarico.

Fermo restando che andro' quanto prima a farmi visitare da uno specialista, volevo chiedere cortesemente il vostro parere sulla gravita' dell'infortunio e sulle possibili terapie e tempistiche per poter riprendere a giocare a calcio.

Grazie e complimenti per lo splendido servizio che offrite.

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Forse è il caso di rivolgersi subito allo specialista, l'unico in grado di stabilire, sulla base della visita clinica, la gravità dell'infortunio: la sensazione di instabilità è sicuramente negativa, anche se può essere causata proprio dall'alterazione della capacità propriocettiva che si instaura dopo una lesione distorsiva. Per questo è importante svolgere subito una adeguata terapia ed impedire che la situazione peggiori.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2] dopo  
Utente 108XXX

La ringrazio, Dottore, ho preso appuntamento e la prossima settimana faro' la visita'. Un'ultima domanda, se le e' possibile: la lesione di II/III grado del legamento puo' comportare il fatto che il legamento stesso sia completamente rotto?

[#3]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Se il legamento si vede (come sembra dal referto della RM) non dovrebbe esserci una lesione totale. Una lesione di II-III grado può però dare una instabilità uguale a quella di una rottura totale.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#4] dopo  
Utente 108XXX

La ringrazio molto per le sue risposte e la saluto cordialmente.