Utente 118XXX
Salve, sono una ragazza di 24 e sono alta a malapena 1,53...
La mia alteza mi crea grossi problemi da qualche anno a questo parte.. quando ero adolescente nemmeno ci facevo caso perchè molte ragazze erano alte quanto me ma ora lo vedo come un vero e proprio problema soprattutto da quando ho constatato che in alcuni ambiti lavorativi ti vengono precuse molte opportunità... Ho la passione per il musical e il teatro, studio canto da dieci anni e mi sono presentata più volte a provini e audizioni e più volte mi è stato detto che la mia altezza era un problema. Inoltre essendo oggettivamnte bella e avendo un bel fisico in più di un'occasione ho partecipato come fotomodella in concorsi ma da qualche tempo a questa parte sono stata esclusa anche da questo ambito perchè hanno messo un limite di altezza di 1,60... insomma hanno tolto qualsiasi tipo di opportunità a ragazze della mia statura di fare parte dell'ambito artistico, persino nella fotografia dove l'altezza non si vede e nel teatro in cui il requisito fondamentale dovrebbe essere la bravura.. insomma io avrei delle potenzialità e mi sembra assurdo non poterle sfruttare per colpa di un difetto fisico, o della fissazione della società di oggi per il requisito dell'altezza. Sono stanca di essere trattata come un'appestata e che mi venga preclusa ogni opportunità... Vorrei davvero poter modificare questo handicap perchè ormai lo è nella nostra società... vorrei poter modificare la mia altezza. Io non amo le stangone e non mi interessa essere alta 1,70. Per quello che mi piacerebbe fare mi basterebbe arrivare a 1,60... solo che ho letto che tutti i metodi sono molto invasivi e rischiosi e dolorosi anche se ti permettono di crescere anche oltre i 12 cm di altezza. Non esistono dei metodi meno complicati per persone che non sono così pretenziose e a cui basterebbero pochi cm per stare meglio con sè stesse?
Grazie per l'attenzione.

[#1]  
Dr.ssa Chiara Carpenedo

24% attività
0% attualità
12% socialità
UDINE (UD)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2009
Dal punto di vista riabilitativo, l'educazione fisica deve iniziare già nel neonato con interventi che mirano a far sviluppare l'apparato muscolo-scheletrico (si tratta di BAMBINI definiti " LONGILINEO-ASTENICI"). Sono esercizi diversi nelle diverse età della crescita, che hanno la finalità, in rapporto al momento dello sviluppo, di evitare l'assunzione di quegli atteggiamenti viziati tipici dei bambini sedentari, che potrebbero determinare malformazioni o alterazioni strutturali.
NON SI TRATTA DEL SUO CASO!
Lei non ha deviazioni nè paramorfiche nè patologiche ed a 24 anni il suo accresimento è chiaramente terminato!(il termine dell'accrescimento scheletrico corrisponde con l'età del menarca).
NEL SUO CASO NON VI è RAZIONALE A PENSARE A NESSUNA MODALITA' DI ALLUNGAMENTO CHIRURGICO (che ha invece un senso in altri casi per esempio di nanismo acondroplasico cioè arti inferiori troppo corti rispetto al tronco o eterometrie degli arti inferiori).
A mio avviso, in ogni caso le gioverebbe della sana attività sportiva. In bocca al lupo.




Dr.ssa Chiara Carpenedo