Utente 311XXX
Salve sono un giocatore di pallavolo che il 10 febbraio ha subito una frattura di gamba, trattata con fissatore esterno. Sto svolgendo la riabilitazione e ho iniziato a caricare con 10 Kg. La mia domanda é : il mio fisioterapista mi sta facendo camminare con la deambulazione a 3 tempi è giusto? Successivamnete ha detto che introdurrà la deambulazione a 4 tempi è giusto? La magnetoterapia funziona per il callo osseo? I fissatori quando potrò toglierli? L 'elettrostimolazione è utile per il rinforzo muscolare

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Egr. sig. Virginio, le ha stilato un programma terapeutico riabilitativo il Fisiatra del Reparto dove è stato operato ??
Che intende ha iniziato a caricare con 10 Kg.?
E' giustissima la deambulazione, ma protetta con bastoni e non eccessiva . Per valutare bene e rispondere a questi quesiti è d'obbligo ed indispensabile vedere una radiografia della sua gamba operata per analizzare : sede, tipologia di frattura e tipo di inserto metallico applicato( F.E.). Che tipo di F.E.?
Ancora la frattura, ben allineata dal F.E. è in fase riparativa .
Lei è giovane e non abbisogna di magnetoterapia che si usa solamente nei gravi ritardi di consolidazioni e nelle pseudoartrosi e deve essere usata 8-9 ore al dì', quindi a casa nelle ore serali-notturne.
Comunque non dovrebbe avere bisogno neanche in futuro se è stato ben operato.
Basta deambulare e fare kinesi funzionale attiva e passiva e massaggi del quadricipite e dei flessori, non c'è bisogno veramente di elettroterapia di stimolazione, anche perchè non ce ne dovrebbe essere bisogno, Comunque ogni cosa valuterà il Medico Fisiatra che lei ha consultato o consulterà.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo // Fisiatra
Università di Messina
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2] dopo  
Utente 311XXX

La ringrazio dottore per la risposta. Le volevo dire che la mia è stata una frattura pluriframmentaria della diafisi tibiale e frattura scomposta dlla diafisi peroneale. Il carico da dare, l'elettrostimolazione e magnetoterapia è stata decisa dal chirurgo che mi ha operato. Dall' ultimo consulto fatto il chirurgo mi ha detto di iniziare a caricare solo 10kg sul mio arto operato rispetto al mio peso corporeo che è di 70 kg per poi arrivare a 40kg è giusto?
Quanti tipi di fissatori esterni esistono? Per ciò che concerne la deambulazione secondo lei e importante utilizzare i canadesi e avere un cammino più fisiologico senza rispettare le rigide regole della deambulazione a 3 tempi o 4 tempi?
La ringrazio
Cordiali saluti

[#3]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Sig. Virginio, c'è la fissazione esterna circolare metodo Ilizarov e quella monoassiale.
Ma questi sono dettagli chirurgici .
La Riabilitazione COMPRENDE SEMPRE INIZIALMENTE PER LE FRATTURE DEI DISTRETTI PORTANTI CARICO, UNA DEAMBULAZIONE CAUTA, GRADUALE, ASSISTITA E PROTETTA, poi gradualmente si andra riducendo sempre più il tutto.
QUINDI VANNO RISPETTATE LE REGOLE NON RIGIDE, MA TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE.
LE REGOLE, NELLO SPECIFICO, SONO DETTATE DALLA TECNICA, SONO REGOLE TECNICHE.
Cordiali saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedico-Traumatologo // Fisiatra




Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -