Utente 148XXX
Buongiorno dottore, ho un problema,che il mio dr di base come pensavo ha liquidato con una 1 cmp di tachipirina e 1 di muscoril, ma come immaginavo non mi da gran sollievo e credo non sia il modo di affrontare il problema semplicemente facendomi passare il solo dolore del momento.Allora cercherò di esporle in breve la situazione ma è facile omettere info che per lei potrebbero essere di maggior aiuto per capire meglio, anche se in fondo io non voglio da lei una visita, ma un consiglio visto il problema.Nel 2003 ho avuto un incidente con una caduta a forte velocità da circa 3 mt dal suolo con forte impatto sulla sabbia, nella caduta mi sono riparata il torace con la spalla dx,nulla di rotto ne lussazioni, da li varie ECOGRAFIE e RAGGI ma nessuna rmn.Il forte impatto mi aveva solo causato un fortissimo dolore che non mi ha mollata per 1 mese (curato solo con tachipirina) e la mia mobilità del braccio era molto limitata a pochi movimenti vicini.Dopo 3 mesi abb.a seguito delle mie pressioni mi ha prescritto le fisioterapie che ho fatto scoprendo che sarebbe stato meglio aver eseguito una rmn che però ormai non mi servita più perchè tardi.Va beh,il completo uso del braccio l'ho avuto solo dopo un anno circa e per lungo tempo al cambio della temperatura esterna in negativo mi si acutizzava un forte dolore all'interno della spalla in coincidenza della rotula.Rx e da li la scoperta di una piccola calcificazione causa dei miei doloretti fastidiosi.Ad oggi non mi fa più male, ma....ne sono comparsi altri.Un dolore alla scapola dx fastidioso quanto basta per farsi sentire ogni tanto sopprattutto quando fa freddo e una perenne tensione muscolare su tutta l'area che non mi abbandona mai.Come se dall'incidente dove i muscoli si erano contratti da li sono rimasti tali.Ora da qualche giorno, un forte dolore continuativo ma sopportabile fino a quando mi tengo in movimento, e insopportabile durante la notte a riposo,non mi da pace, il mio dr mi ha fatto mettere a 90° guardata la schiena, fatto respirare e sollevare le braccia flesse,premuto in determinati punti e la sua conclusione è stata,che ho 2 vertebre bloccate a seguito della forte contattura, le quali cause sono infinite e previsioni future se non curate da subito abbastanza dolorose...e da li mi ha mandato a casa con la cura sopra citata.Stop.Il medico in questione, privatamente esegue delle cure con una tecnica rivoluzionaria (a suo dire) con un apparecchio che ti mette delle cuffiette alle orecchie o delle pinzette non mi è chiaro, e ti ressetta il cervello, il quale dovrebbe cancellare problemi che hai ora e che non avevi in precedenza.Vorrebbe farmi questo e aggiunto ad una manipolazione sdraiata su di una panca a testa in giù..a pagamento.Io voglio sapere cosa ho da un medico competente in questo non fare la cavia.La stessa cura reset era stata proposta a mia sorella per dei mal di testa, è andata da un neurologo..aveva un tumore di 8 cm al cervello.Quale medico è più indicato al mio problema?Grazie

[#1]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signora non le è stata fatta ancora una diagnosi precisa e quindi è impossibile una idonea e d appropriata terapia.
Le consiglio di fare un consulto specialistico ortopedico e dopo, fatta la diagnosi clinica, programmare un completo trattamento terapeutico, comprendente di certo della specifica fisiochinesiterapia.
Lasci stare ogni cosa e si affidi solo a Medici Specialisti del settore.
Distinti saluti
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#2] dopo  
Utente 148XXX

Grazie mille per la sua tempestiva risposta andrò sicuramente privatamente da un medico in grado di farmi prima una diagnosi certa e poi una terapia.Grazie

[#3]  
Dr. Nicola Pagano

20% attività
0% attualità
0% socialità
MONTEFORTE IRPINO (AV)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2007
Cara amica,mi associo a quanto detto dal collega e in più La inviterei a non trascurare quella calcificazione alla spalla che potrebbe,in base alla sua localizzazione e alle sue dimensioni,interferire con la dinamica funzionale della spalla provocando fastidiose tendinopatie che potrebbero essere una delle cause dei suoi fastidi.In tal caso un trattamento con onde d'urto seguito da adeguata rieducazione funzionale e posturale potrebbe essere molto appropriato.Si rivolga perciò ad uno specialista fisiatra o ortopedico e saprà certamente aiutarLa.
Saluti cordiali.
N.Pagano.
Dott.Nicola Pagano

[#4]  
Prof. Alessandro Caruso

Referente scientifico Referente Scientifico
40% attività
12% attualità
16% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
Gentile signora Le avevo appunto suggerito di esguire un accurato consulto specialistico ortopedico per una diagnosi clinica precisa ed una attenta valutazione degli esami diagnostici per immagini in suo possesso.
( verosimilmente potrebbe trattarsi di una periartrite scapolo-omerale). Comunque stabilirà l'ortopedico l'esatta diagnosi, se occorre fare delle infiltrazioni nella spalla o meno, e quali trattamenti farmacologici anche locali applicare. In seguito è consigliabile un consulto fisiatrico per approntare un completo ed idoneo programma di fisiochinesiterapia.
Cordialmente
Alessandro Caruso
Specialista Ortopedia - Traumat.//Medicina dello Sport
Specialista Medicina Fisica e Riabilitazione -Messina -

[#5] dopo  
Utente 148XXX

Grazie tanto a quanti habbiano dato un parere al mio problema.Oggi stesso chiamerò per una visita un ortopedico e poi vedrò che mi consigliano, ma come avete suggerito entrambi cercherò di andare a fondo di questo problema e cercherò di trovare una soluzione a monte del solo manifestarsi del dolore, che e oggi comincia apassarmi ma non con la terapia consigliata dal mio medico ma ben si con un fai da te a basa di voltaren.(Non dormivo più).A oggi dopo 6 giorni di dolori sono arrivata a stare abbastanza bene (cercando sempre di muovermi)ma ad avere pur sempre una parziale capacità nei movimenti del capo.