Utente 435XXX
Vorrei per cortesia informazioni su quanto è capitato a mia mamma di 74 anni. Un paio di mesi fa ha cominciato ad avere dolori al ginocchio. Ha eseguito i seguenti esami (oltre naturalmente agli esami del sangue di routine):
- risonanza magnetica
- radiografia delle ginocchia comparate.
Le è stata diagnosticata una GONALGIA SINISTRA DA ROTTURA MENISCALE MEDIALE.
Ha consultato due ortopedici che concordano sul fatto che debba essere operata in artroscopia, ma mentre uno sostiene che l'intervento debba essere eseguito in fretta, l'altro ritiene fondamentale, data l'età e quindi l'esistenza di una muscolatura non sufficientemente tonica (così si è espresso) intraprendere alcune sedute di ROENTGEN TERAPIA prima dell'intervento.
Vorrei sapere il vostro parere in proposito, anche perchè questa situazione, molto dolorosa (mia madre fa fatica a camminare e non riesce ad alleviare in alcun modo il dolore), si sta protraendo ormai da qualche mese.
Nel ringraziarvi per il prezioso servizio che offrite, resto in attesa di una vostra risposta.
Rosa

[#1]  
Dr. Fulvio Di Cosmo

24% attività
0% attualità
8% socialità
PORDENONE (PN)
CONEGLIANO (TV)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2004
Se la diagnosi è certa, il mio consiglio è deciso: pensi subito al trattamento artroscopico.
Questo è poco aggressivo e consente un rapido recupero funzionale.
Cordiali saluti
FDC
Dr. Fulvio Di Cosmo
Specialista in
Ortopedia, Chirurgia vascolare, Medicina dello sport.
già AMA1 Patologia Vertebrale

[#2] dopo  
Utente 435XXX

Ringrazio di cuore per la sollecitudine con cui ho avuto risposta. Buon lavoro.

[#3]  
Dr. Simone Cigni

28% attività
0% attualità
12% socialità
VOGHERA (PV)
MILANO (MI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2005
La mia personale opinione è che, se il dolore è particolarmente gravoso, l'intervento artroscopico possa essere una buona opzione. Occorre però tenere presente che, data l'età della Signora e la verosimile presenza di artrosi, una resezione meniscale eccessiva potrebbe aggravare la sintomatologia dolorosa nei prossimi mesi, dopo un iniziale temporaneo beneficio. A mio parere è necessario non essere troppo aggressivi per evitare danni futuri, In ogni caso l'artroscopia è comunque, non dimentichiamolo, un buon esame diagnostico e potrà valutare "de visu" anche la situazione cartilaginea nel caso specifico.
Naturalmente occorerebbe visitare la paziente e gli esami eseguiti per potere dare una valutazione definitiva,
cordialità
Dr Simone Cigni

[#4] dopo  
Utente 435XXX

Ancora grazie per l'interesse dimostrato. Saluti.