Utente 123XXX
Buonasera, recentemente ho avuto dolore alla spalla (anteriormente) insorto nei monvimenti sopra la testa nel tennis. Visitato mi è stata diagnosticata una tendinopatia del cclb e prescritta una ecografia. Premetto che ho un acromion ricurvo anteriormente tipo II e che 2 anni fa sono stato sottoposto a riparazione della porzione postero superiore del cercine con 2 mini ancore per slap lesion tipo 2 e a bursectomia sottoacromiale. Ecco il referto della recente etg: l'esame eseguito in comparativa, a riposo e durante mobilizzazione articolare semplice e controresistenza dimostra il sovraspinato diffusamente ispessito e con struttura disomogenea per tendinosi di medio grado da conflitto sottoacromiale. Tendinosi di basso grado del sottoscapolare. Esiti chirurgici per slap 2 con tenosinovite della porzione extracapsulare del clbb. Il resto è normale. Il radiologo/medico dello sport mi ha consigliato fisioterapia per rinforzo deltoide con esercizi tipo alzate laterali lente con peso da 1 Kg fino all'altezza delle spalle. In attesa della visita ortopedica che avverrà fra un mese ho contattato il terapista il quale però sostiene che il deltoide va allungato e vanno rinforzati i muscoli antagonisti del deltoide (sono gli stabilizzatori della scapola ?) Potreste chiarirmi, in attesa della visita, quali muscoli andrebbe rinforzati e quali no ? Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Michele Moretti

32% attività
0% attualità
12% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2008
In presenza di dolore attivo e di quanto evidenziato all'ETG non concordo con l'avvio di esercizi di rinforzo in questa fase.
In ogni caso non mi pare indicato il rinforzo del deltoide.
Il rinforzo degli stabilizzatori della scapola può essere utile in seconda istanza a scopo di prevenzione di nuove acutizzazioni.
L'obiettivo di questa fase è risolvere il quadro irritativo/infiammatorio di sovraspinato e sottoscapolare.
Possono essere proposti approcci conservativi mediante terapie fisiche + antinfiammatori + riposo e successiva fase rieducativa e di rinforzo.
Eventuale opzione chirurgica da valutare solo in caso di fallimento dell'approccio conservativo.
Cordiali saluti.
Dr. Michele Moretti
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitazione