Utente 256XXX
Salve, credo che oramai è questa la sezione giusta e non piu quella dell'otorino.
Da circa 2 mesi soffro di acufene bilaterale o non localizzabile dietro la nuca, mi recai dall'otorino e tutto perfetto tutte le frequenze erano ottimali, vari esami equilibrio testa piegata e seguire il dito con gli occhi, tutto perfetto. L'otorino mi prescrisse un integratore a base di ginko biloba che ogni tanto sembra funzionare ogni tanto meno, il tutto inizio dopo aver preso un freddo atroce ed inizio tutto con disturbi a livello di pungiglioni al tatto lieve nei polpastrelli, contrazioni muscolari nel collo atroci pure nei muscoli anteriori del collo dolori occipitali dolori acutissimi ai lati della testa in base ai movimenti delle braccia che duravano pochi secondi ma cosi forti da paralizzarmi, dopo 3 giorni questi sintomi si attenuarono fino a scomparire ma è restato un acufene bilaterale, oltre il ginko funziona benissimo la muscoril crema nella crevicale e si attenua l'acufene! l'otorino mi fece fare le lastre e salto fuori uncartrosi e rettilizzazione del rachide e mi disse che problemi alla cervicale di questa natura possono dare facilmente acufeni e mi disse di rivolgermi ad un fisiatra, ma su internet ho letto che è piu indicato l'osteopata, non so a chi rivolgermi e cosa fare, mio padre che è un medico legale mi disse di sopportare l'acufene e di fregarmene ci sto provando ma ogni tanto mi viene lo sconforto, per completezza vi dico che mi ha visto lo psichiatra ed ha detto che sono stabile e non mi ha voluto prescrivere neppure un antidepressivo per aiutarmi il sonno, mi ha detto di risolvere i problemi alla cervicale.... qui ogni medico mi dice che è la cervicale ma nessuno a conti fatti mi sa dare una terapia o un parere.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giulio Pio Urbano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
8% attualità
16% socialità
RHO (MI)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Gentile utente,

il consiglio di rivolgersi ad un fisiatra della sua zona di residenza è sicuramente la cosa più corretta da fare.

Sarà il Collega che solo dopo un'accurata valutazione obiettiva, visite ed eventuali esami in suo possesso,

sarà in grado di poterle impostare uno specifico programma ed idoneo trattamento riabilitativo,

compreso quello, se necessario, di tipo osteopatico.

Per correttezza è giusto che lei sappia che la risoluzione del suo problema, spesso richiede diversi tentativi di trattamento sia medico, sia fisioterapico.

In bocca al lupo!

Cordialità.
Urbano Giulio Pio MD
Specialista Medicina Fisica Riabilitazione
e Psicoterapia
3398917774(h16-20)